Audio wireless di qualità con le casse Klipsch

0

Da settant’anni Klipsch costruisce quelli che sono considerati tra i migliori diffusori sonori professionali e hi-fi del mondo. Verso la fine degli anni Novanta, Klipsch ha presentato un numero crescente di casse acustiche dedicate al mondo dell’home theater, la cui progettazione e qualità costruttiva derivano direttamente dalla produzione per il mercato pro e hi-end.

Audio HD anche senza cavi

L’utilizzo di casse amplificate con connessione senza fili alla fonte ha molto facilitato l’installazione dei sistemi home theater, non richiedendo il passaggio di numerosi e ingombranti cavi. Il sistema di collegamento finora utilizzato è stato il Bluetooth, ottimo per collegare lo smartphone al sistema audio dell’automobile oppure la cuffietta al televisore, ma con enormi limitazioni quando si tratta di trasferire otto canali audio ad alta (ma anche media) risoluzione.

L’alta definizione è il futuro dell’audio, sia stereo hi-end sia multicanale home theater. Per esempio, un marchio storico come Technics è tornato sul mercato proponendo apparecchiature e fonti audio ad alta risoluzione (HRA, Hi Res Audio), e tutti gli altri produttori di fascia alta stanno seguendo da vicino il trend. Ma nessuno prima di Klipsch aveva ancora affrontato con successo il problema di un collegamento senza fili tra fonte e diffusori che mantenesse l’elevata qualità dei nuovi file sorgente.

Bluetooth vs. wireless

Klipsch ha infatti di recente presentato un sistema di altoparlanti 7.1 che rappresenta un punto di svolta nel campo dell’audio senza fili. Il Bluetooth può trasportare comodamente due canali o più in formato mp3, cioè compresso. Ma oggi che la velocità di connessione internet e lo spazio sugli hard disk non sono più un problema, la qualità dell’audio disponibile in rete, sia musicale sia di colonna sonora, raggiunge sempre più spesso i 96 kHz a 24 bit, una qualità pari a quella dei nastri o dei file originali di studio. Ma il Bluetooth non è in grado di gestire un tale livello qualitativo, e anche riducendo a mp3 i file originali, arriva a introdurre a volte lievi perdite di sincronizzazione tra video e suono. Il nuovo sistema wireless di Klipsch, detto WiSA – Wireless Speaker & Audio – risolve il problema, potendo distribuire ad altissima definizione (e velocità) il materiale audio ai diffusori, senza perdite di qualità audio e video.

Quattro diffusori per sette canali

L’attuale proposta Klipsch comprende quattro diffusori wireless:

  • il diffusore da pavimento RP-440WF
  • il subwoofer RP-110WSW
  • il diffusore da libreria RP-140WM
  • e il diffusore centrale RP-440WC

A cui è da aggiungere il Control Center HD RP-HUB1.
Dotati di amplificatori di potenza di picco variabile tra i 100 e i 500 watt, questi diffusori dispongono di tweeter in titanio e woofer con cono in Cerametallic, un materiale brevettato da Klipsch che garantisce bassi molto precisi.

Una centralina HD

Il sistema di diffusori audio Klipsch wireless è pilotato dalla centralina RP-HUB1 che copre qualsiasi necessità di connessione:

  • 4 ingressi HDMI; la porta 1 supporta HDMI 2.0 e HDCP 2.2 con 4k passante
  • 1 ingresso digitale coassiale e 1 ingresso digitale ottico
  • 1 ingresso analogico
  • 1 ingresso Bluetooth, per la connessione con dispositivi mobili come smartphone o lettori mp3.

I formati audio supportati sono:

  • fino a 6 canali a 192 kHz (un formato superiore persino a quello comunemente usato negli studi di registrazione)
  • 8 canali a 96 kHz
  • Dolby Digital Plus bitstream
  • DTS bitstream (HDMI and SPDIF)
  • aptX (Bluetooth).

La postelaborazione audio della centralina comprende:

  • Dolby Pro-Logic IIx
  • DTS Neo:6
  • una codifica proprietaria per la gestione dei bassi, utilizzabile solo con i diffusori Klipsch
  • un sistema di rielaborazione dell’audio per ascolto a basso volume, mette in risalto i dialoghi e mantiene la sensazione dell’ascolto del cinema; una nuova potente versione del vecchio comando di loudness sugli amplificatori.

Un sistema programmato in meno di un minuto

Sul retro di ciascun diffusore sono presenti tasti collocati su una piccola piantina di un sistema 7.1: basta premere il tasto corrispondente alla posizione del diffusore perché sia immediatamente stabilito il collegamento e la sincronizzazione con la centralina di controllo.

I costi

Il costo di un sistema completo Klipsch Reference Premiere HD è attorno ai 5.000 euro. Essendo di recente presentazione si può pensare che i prezzi tenderanno a scendere nei prossimi mesi. Molto interessante è la possibilità di usare queste casse acustiche Klipsch in un impianto puramente audio stereofonico: la risposta in frequenza degli speaker sia da pavimento sia da libreria parte da circa 50 Hz, in linea con altri diffusori dedicati all’ascolto musicale. Il subwoofer permette di raggiungere i 27 Hz.

NESSUN COMMENTO