Giuseppe Cruciani shock: “Minacciato di morte dai tifosi del Napoli”

0
Stadio San Paolo, casa del Napoli, fonte Di Pochos di Wikipedia in italiano, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=24758037
Stadio San Paolo, casa del Napoli, fonte Di Pochos di Wikipedia in italiano, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=24758037

Episodio spiacevole per Giuseppe Cruciani, noto giornalista e conduttore radiofonico, che, dopo quanto accaduto in Cagliari-Juventus, si era espresso in difesa dei bianconeri, accusando i napoletani di eccessivo vittimismo. Dopo le sue parole i profili social del giornalista sono stati presi di mira dai tifosi del Napoli, che non gli hanno risparmiato minacce di morte e di stupro nei confronti della figlia, oltre ad offese di vario genere. Ecco le dichiarazioni di Cruciani su Tuttosport:

“Sono piuttosto abituato, ma certe categorie per massa critica, volgarità, violenza e tempo di reazione sono superiori a tutti. Gli “animalisti estremisti” contendono la medaglia d’oro agli “estremisti del Napoli” (e, attenzione, non i napoletani in senso lato). Sul podio poi ci sono certamente i no vax. Al piagnisteo napulitano non c’è mai fine. A Napoli vedono continuamente fantasmi e pericoli. La Juve è sempre Satana e sinonimo di ruberie e furti con scasso. Insomma, il solito ridicolo repertorio: i poteri forti, il Nord, gli Agnelli che comandano e cazzate del genere. Roba da matti. Il risultato? Minacce di morte, di stupro di mia figlia e mia moglie, più altre amenità. Quando si tocca il tifo napoletano arrivano subito i matti. E’ una reazione immediata, scattano come un sol uomo.In fondo è come fare, ogni volta, un esperimento sociologico, anche perché il campionario è ampio, visto che si va dal professore d’Università al giornalista del Mattino che scrive: chi è juventino non è degno di vivere. Una follia, così si dà la copertura intellettuale a chi, magari, può davvero andare ad ammazzare qualcuno perché tifa per la Juventus.”

NESSUN COMMENTO