Le iene: Fausto Brizzi è il regista accusato di molestie dalle attrici italiane

0
Fausto brizzi, Fonte Foto: Google
Fausto brizzi, Fonte Foto: Google

Molte attrici ai microfoni dello show “Le iene” hanno confessato di esser state molestate da un regista italiano. All’inizio il nome del molestatore non fu fatto, ma ora è uscito fuori il nome di Fausto Brizzi.

Il nome del regista romano l’hanno fatto dieci attrici su trenta.

“Ci sono anche altri nomi, i personaggi sarebbero molti, noi non vogliamo accanirci su Brizzi. Ma un terzo delle intervistate parla di lui”. Ha spiegato Dino Giarrusso.

Il regista replica in una nota affidata al suo legale Antonio Marino.

“In riferimento alla trasmissione Le Iene andata in onda nella serata di oggi, ribadisco di non avere mai avuto rapporti non consenzienti”.

“…mai e poi mai nella mia vita ho avuto rapporti non consenzienti o condivisi”, ha dichiarato.

Molte sono le testimonianze, come quella di Clarissa Marchese, Miss Italia 2014, e la modella Alessandra Giulia Bassi.

Sono state le uniche due persone intervistate dalle Iene che non hanno chiesto la riservatezza.

“Queste ragazze non si conoscono fra loro, eppure tutti i loro racconti si somigliano in maniera impressionante”.

Le intervistate raccontano di uno studio-casa con una vasca idromassaggio, soggiorno e camera da letto. Dove le ragazze venivano invitate per fare provini.

Le donne descrivono minuziosamente gli incontri. I quali, hanno tutti la stessa trama. Nelle loro testimonianze ci sono: i tentativi di “fare i massaggi”, le insistenze e “i modi sempre più aggressivi”.

Secondo alcuni racconti, il regista si è spogliato completamente nudo e ha tentato approcci sempre più pesanti.

Alcune raccontano di aver opposto resistenza. Una donna, racconta di come si è sentita immobilizzata e di come ha subito la violenza.

“Mi sentivo stuprata, mi sentivo una puttana“, ha detto una delle attrici.

Però la domanda è sempre la stessa dinanzi a queste confessioni mostruose.

Perché non hanno denunciato?

“Non ho avuto il coraggio di dirlo alla mia famiglia…L’ho detto solo a mia madre, ma ho pensato: se lui ci denuncia non abbiamo tutti questi soldi per pagare la causa”.

Un’altra: “Mi vergognavo come una ladra, avevo paura di non essere creduta”.

Un’altra, ancora: “Alcuni addetti ai lavori mi hanno consigliato di non fare azioni legali”.

Infine, dopo le accuse di molestie e violenze sessuali contro Fausto Brizzi, la Warner Bros ha deciso di cancellare il suo nome dal prossimo film in uscita a metà dicembre.

La pellicola “Poveri ma ricchissimi” con Christian De Sica, Enrico Brignano e Anna Mazzamauro. La mossa della Warner è in linea con quanto già accaduto negli Stati Uniti, dopo lo scandalo partito di Harvery Weinstein e Kevin Spacey.

NESSUN COMMENTO