Liga, Barcellona-Real Madrid 2-2: vanno a segno CR7 nel primo tempo e Messi nella ripresa

0
Fonte: Instagram

Il Classico numero 238 termina con un pareggio. Non sono mancate però emozioni nell’arco dei 90’ di gioco (più eventuali recupero) sia da una parte sia dall’altra mantenendo la gara sempre in bilico. Il risultato finale segnato sul tabellone del Camp Nou recita un 2-2 tra Barcellona e Real Madrid. I Marcatori sono Suarez e Messi per i campioni di Spagna in carica e due reti segnate da Cristiano Ronaldo e Gareth Bale per i dodici volte campioni d’Europa. Nonostante il pareggio, il Barcellona a due giornate dal termine mantiene la sua imbattibilità in campionato.

APRE SUAREZ, PAREGGIA CR7 – Il Barcellona parta subito forte tanto che sfiora il goal del vantaggio già al 3’ con l’attaccante Luis Suarez. Goal che arriva però al 9’ sempre con l’attaccante uruguaiano grazie ad un assist di Sergi Roberto. Ma il Real Madrid non ci sta di subire e prova subito a riportare la gara in equilibrio due volte con Cristiano Ronaldo (una volta però si è fatto beccare in fuorigioco anche se al limite) e una volta con Toni Kroos. La partita torna in perfetto equilibrio al 15’ grazie alla rete di Cr7 (servito di testa da Benzema).

PRIMO TEMPO ACCESO – Non è “Classico” senza che la partita si accenda: in effetti la gara diventa infuocata molte volte durante la prima frazione di gara, la prima quando Suarez e il centrale Sergio Ramos hanno un diverbio per un presunto fallo del secondo sul primo. L’arbitro cerca di calmare le acque ammonendo entrambi; un altro episodio chiave è il diverbio acceso tra Modric e il terzino Jordi Alba; poi c’è un diverbio anche tra Leo Messi e lo stesso Ramos; ma quello più clamoroso avviene a primo tempo ormai terminato da un’ingenuità di Sergio Roberto il quale gli costa la seconda espulsione in campionato dopo aver dato uno schiaffo al terzino brasiliano Marcelo come reazione al fallo subito.

STANDING OVATION PER “DON ANDRES” – Andres Iniesta Saluta “el Clasico” prima della fine della gara perché al minuto 58 l’allenatore Ernesto Valverde lo richiama in panchina al posto di Paulinho per cercare di riparare all’ingenuità di Sergi Roberto il quale per una sua ingenuità ha lasciato i suoi in dieci. Durante l’uscita “Don Andres” si becca un emozionante Standing Ovation dal pubblico catalano. A fine gara Iniesta rientra sul terreno di gioco per essere festeggiato ancora una volta, questa volta a festeggiarlo sono i compagni di squadra. Ma questo per lui è solo “l’antipasto” della festa che poi ci sarà dopo l’ultima giornata e durante i festeggiamenti per il campionato conquistato.

MESSI RIAPRE, BALE PAREGGIA – Gli altri due goal della gara arrivano nella ripresa con Leo Messi per il Barcellona e Gareth Bale per i campioni d’Europa in carica. La “pulce” porta in vantaggio il Barça al 52’ con un tiro di sinistro batte Keylor Navas portando il Blaugrana sul 2 a 1. Ma poi l’esterno Gallese riporta di nuovo in equilibrio la gara al 72’: l’ex Tottenham (servito da Marcelo) insacca il tedesco Ter Stegen con un tiro di sinistro da fuori area sotto la traversa.

DUE EPISODI DUBBI – all’arbitro Hernandez viene contestato due episodi chiave che avrebbero cambiato la sorte della partita: la prima è sicuramente la mancata espulsione di Bale dopo il pestone dato sul polpaccio al difensore Umtiti nel primo tempo; l’altro episodio che ha fatto discutere è il mancato rigore dato per i “Galacticos” per un contatto in are di rigore tra Jordi Alba e l’esterno brasiliano Marcelo quando la gara si era ormai portata sul 2-2.

NESSUN COMMENTO