Milan-Napoli: 0-0 Marika Fruscio dixit

0

La partita è stata bella, intensa, di qualità ma il risultato non fa felici i partenopei che vedono la Juve, vincente in casa con la Samp, scappare a più sei.

Ora per il Napoli si fa tutto più difficile, calcolando che mancano solo 5 giornate alla fine del Campionato e c’è, a questo punto, solo da sperare in qualche passo falso della Vecchia Signora, forse ancora troppo arzilla per inciampare.

Milan-Napoli ha regalato tante emozioni. I ritmi sono stati alti e le due squadre si sono affrontate senza paura. Il Milan è riuscito a controllare il gioco del Napoli schierandosi a specchio, lasciando pochi spazi e innescando marcature strette sui portatori palla (basti pensare all’operato di Calabria su Insigne)

Gattuso ha studiato bene la partita ed ha concesso poco agli ospiti che hanno sofferto le spinte di Suso e Calhanoglu. Anche in mediana i rossoneri hanno limitato parecchio il lavoro di Jorginho che ha fatto fatica a verticalizzare.

Il Napoli forse è piu sicuro sotto il punto di vista del palleggio ma c’e meno brillantezza negli interpreti che sono evidentemente stanchi e prevedibili. Se la difesa regge e fa pochi errori, l’attacco è decisamente insufficiente. Mertens, Insigne e soprattutto Callejon producono poco e sbagliano troppo.

Le troppe imprecisioni non sono solo nell’ultimo tocco ma ci sono troppe leggerezze in fase di disimpegno e nella costruzione del gioco stesso.

RIPRESA

Il Napoli scende in campo più determinato, approfittando di una fase di appannamento e stanchezza del Milan. Insigne spaventa più volte il Milan ma è impreciso ed a tratti confusionario avanti. Hamsik sbaglia a tu per tu con Donnarumma. I rosso-neri accusano e fanno fatica ad uscire dalla propria area ma rimangono sempre in partita, difendendosi bene, non rinunciando a qualche ripartenza pericolosa con Suso (che però spara la palla troppo alta) e con Kessie che cerca di imporsi fisicamente.

Sarri opta per Milik e Zielinsky, i due polacchi entrano subito in partita portando freschezza e forze utili all’attacco. Il finale è un vero e proprio assalto. Il Napoli la vuole vincere. Ancora una volta Insigne va vicino al goal  e Milik nel finale fa tremare il Meazza. Arkadiusz ha la palla goal sul piedi ma Donnarumma compie un vero e proprio Miracolo che salva il Milan.

NESSUN COMMENTO