Resoconto e analisi del pomeriggio di campionato: salgono Udinese, Frosinone e Carpi, crisi Roma!

0

Questo pomeriggio di serie A per quanto breve e senza match di cartello è riuscito comunque a dare spunti interessanti e novità molto importanti: si parte dalla vittoria fuori casa dell’Udinese al Bentegodi contro il Chievo, match emozionantissimo che si aggiudicano i bianconeri grazie ad un Thereau sugli scudi.

CHIEVO-UDINESE 2-3 (1-1)
MARCATORI Paloschi (C) al 26’, autogol di Frey (C) al 43’ p.t.; Thereau (U) al 1’, Inglese (C) al 27’, Thereau (U) al 36’ s.t.
CHIEVO (4-3-1-2) Bizzarri; Frey, Gamberini, Cesar, Gobbi; Castro, Rigoni, Hetemaj; Birsa (dal 26’ s.t. Pepe); Paloschi (dal 22’ s.t. Pellissier), Meggiorini (dal 16’ s.t. Inglese). All. Maran
UDINESE (3-5-2) Karnezis; Piris, Danilo, Felipe; Widmer, Badu, Lodi, Iturra (dal 19’ s.t. Fernandes), Edenilson (dal 34’ s.t. Adnan); Aguirre (dal 28’ s.t. Di Natale), Thereau. All. Colantuono
ARBITRO Gervasoni di Mantova
NOTE Paganti, incasso, abbonati e quota non comunicati. Ammoniti Iturra (U), Danilo (U), Frey (C), Castro (C), Rigoni (C) e Meggiorini (C) per gioco scorretto. Angoli 3-6. Recuperi p.t. 2’, s.t. 4′
La seconda partita in analisi è quella tra i padroni di casa del Genoa e il Carpi. I rossoblù partono malissimo con l’espulsione al 7′ minuto di Pavoletti. Malgrado l’inferiorità numerica però, a portarsi in vantaggio sono proprio gli uomini di Gasperini con Figueiras. Nel secondo tempo mister Castori inserisce Borriello che con un gol e un assist per Zaccardo ribalta le sorti del match.
GENOA-CARPI 1-2 (1-0)
MARCATORI Figueiras (G) al 9′ p.t.; Borriello (C) al 13′, Zaccardo (C) al 35′ s.t.
GENOA (3-4-3) Perin; Izzo, Burdisso, Ansaldi; Figueiras (De Maio dal 43′ p.t., Pandev dal 26′ s.t.), Tino Costa (Ntcham dal 15′ st), Rincon, Laxalt; Lazovic, Pavoletti, Gakpè. A disposizione: Lamanna, Ujkani, Capel, Tachtsidis, Cissokho. All. Gasperini.
CARPI (4-4-1-1) Belec; Letizia, Zaccardo, Romagnoli, Gagliolo; Matos (Borriello dal 6′ s.t.), Cofie, Lollo, Pasciuti; Martinho (Di Gaudio dal 9′ s.t.); Mbakogu (Lasagna dal 30′ s.t.). A disposizione: Brkic, Wilczek, Lazzari, Gabriel Silva, Marrone. All. Castori.
ARBITRO Gavillucci di Latina.
NOTE Espulso al 6′ p.t. Pavoletti (G) per gioco violento. Ammoniti Matos (C), Gagliolo (C) e Borriello (C).
Il terzo match in programma è Frosinone-Verona. Gli scaligeri, in crisi nera che più nera non si può, soffrono tantissimo il Frosinone. Nel primo tempo i ciociari, complice l’espulsione del portiere avversario Rafael, si portano sul 2-0 grazie alla doppietta di Ciofani. Iniza il secondo tempo e il Frosinone si concede il tris con Dionisi. Il Verona non si arrende e segna prima con Viviani e poi con Moras, ma non basta. La squadra è sempre più ultima, e Mandorlini è sempre più in bilico. Che sia venuto il momento dell’esonero?

FROSINONE-VERONA 3-2 (2-0)

MARCATORI: 22′ D. Ciofani su rig., 40′ D. Ciofani, 48′ Dionisi, 69′ Viviani, 75′ Moras
FROSINONE (4-4-2): Leali; Rosi, Diakité, Blanchard (17′ st Bertoncini), Crivello; Paganini, Sammarco, Gori, Soddimo (28′ st Frara); D. Ciofani (20′ st Castillo), Dionisi. A disp.: Gomis, Zappino, M. Ciofani, Chibsah, Gucher, Tonev, Verde, Carlini, Longo. All.: Stellone
VERONA (4-3-3): Rafael; Pisano, Bianchetti, Moras, Souprayen; Ionita (11′ st Greco), Viviani, Hallfredsson; Siligardi (21′ pt Gollini), Toni, Gomez (1′ st Pazzini). A disp.: Coppola, Helander, Winck, Badan, Wszolek, Cecchin, Guglielmelli. All.: Mandorlini
ARBITRO: Rizzoli
AMMONITI: Souprayen, Viviani, Hallfredsson, Moras (V), Blanchard (F)
ESPULSI: Rafael (V)

In ultimo, ecco la sfida più interessante e allo stesso tempo più sorprendente. La Roma non riesce a rialzare la testa dopo la sconfitta contro il Barcellona e capitola in casa contro l’Atalanta. I bergamaschi difendono bene e si portano in vantaggio sul finire del primo tempo con Gomez, e poi raddoppiano sul finale con Denis (rigore). La squadra di Garcia non è pervenuta: ha attaccato ma non ha creato occasioni da gol, si è dimostrata confusa e timorosa, e la difesa è stata un colabrodo. Garcia rischia tantissimo, gli verrà rinnovata la fuducia?

ROMA-ATALANTA 0-2 (0-1)
MARCATORI Gomez al 40′ p.t.; Denis su rig. al 36′ s.t.
ROMA (4-3-3) De Sanctis; Florenzi (dal 25′ s.t. Maicon), Manolas, Castan, Digne; Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Iturbe (dal 38′ s.t. Torosidis), Dzeko, Iago (dal 17′ s.d. Sadiq) (Szczesny, Gyomber, Rudiger, Emerson, Vainqueur, Uçan, Keita, Di Livio, Tumminello). All. Garcia.
ATALANTA (4-3-3) Sportiello; Raimondi, Paletta, Stendardo, Brivio; Grassi, Cigarini (dal 27′ s.t. Migliaccio), Kurtic (dal 39′ s.t. De Roon); Moralez, Denis, Gomez (dal 44′ s.t. Cherubin) (Bassi, Radunovic, Masiello, D’Alessandro, Estigarribia, Conti, Monachello). All. Reja.
ARBITRO Calvarese di Teramo.
NOTE spettatori 29.222, incasso 842.399 euro. Espulsi Maicon al 36′ s.t. per chiara occasione da gol, Stendardo al 42′ e Grassi al 48′ s.t. per doppia ammonizione. Ammoniti: Cigarini e Torosidis per gioco scorretto, Sportiello per comportamento non regolamentare. Angoli: 9-3. Recuperi: 1′ p.t., 5′ s.t..

NESSUN COMMENTO