ESCLUSIVA-Valerio Bovienzo ci racconta la Milano Fashion Week

0
Valerio Bovienzo
Fotografo: Fabrizio Bartoccioni
Stilista Head Sculpture: Giuseppe Fata
Sfilata IULIA BARTON

In esclusiva per Dailynews24 il modello Valerio Bovienzo.

Valerio hai partecipato alla Milano Fashion week con delle modelle d’eccezione. Ci racconti questo evento?
Ho sfilato durante la FW di Milano per Giuseppe Fata e Iulia Barton , mi sono ritrovato in mezzo a tanti top model disabili provenienti da tutto il mondo, come ad esempio da Francia, Inghilterra e America.
Ho trascorso un intera giornata di lavoro con loro, ho ascoltato le loro storie davvero molto forti ma allo stesso tempo emozionanti!

 

Che emozione è stata condividere la passerella con queste straordinarie modelle per un giorno? Che sensazioni hai provato?
Spesso mi lamento degli orari lavorativi, delle giornate piene di prove e quant’altro e poi guardo loro che, affrontano un viaggio all’estero ,senza un supporto dei loro cari e lavorano sempre con il sorriso.
Non mi è mai capitata un’esperienza del genere, che mi ha fatto molto riflettere e capire che sono molto fortunato per tutto quello che ho!

Lo stylist della fashion week è Giuseppe Fata, famoso per le sue Head Sculpture.
Che cosa sono e come ti sei trovato a lavorare con lui?
Sono dei veri e propri capolavori , l’emblema della moda odierna, stravaganti e taglienti al punto giusto, lasciano senza parole e in passerella hanno suscitato molto scalpore.
Quando mi ha ingaggiato Giuseppe è stato subito primo amore, mi piace molto il suo modo di fare e come lavora, non ho trovato difficolta nell’approccirami con lui, mi sono subito trovato a mio agio.
E’ un uomo umile e quasi nessuno in questo mondo lo è!

Ci racconti un tuo sogno nel cassetto?
Sfilare per Versace!

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Nell’ultima intervista non avevo svelato nulla a riguardo, essendo molto scaramantico.
Ora i miei progetti sono diventati realtà!
Posso dire che dopo 10 anni sono ancora qui e ne vedrete delle belle!!

 

Gallery Sfilata Iulia Barton Valerio Bovienzo

NESSUN COMMENTO