Sequestrata la “Bomba Parigi”, misto di illegalità e cattivo gusto

0

Numerosi sono stati i sequestri effettuati negli ultimi giorni, in tutta la Campania, dagli agenti della Guardia di Finanza, della Polizia e della Polizia Municipale. Anche oggi, a poche ore dai festeggiamenti per la notte di San Silvestro, sono stati eseguiti ulteriori sequestri di botti illegalmente detenuti.

A Napoli Antonio Troise, pregiudicato di 33 anni, è stato tratto in arresto dagli agenti della Polizia per aver occultato 28 pericolosissime “cipolle”, annoverate tra i più pericolosi fuochi d’artificio. Gli ordigni, destinati al mercato clandestino, erano stati collocati in una scatola nascosta sotto il letto dell’appartamento di Troise. Si tratta di un’abitazione a una sola stanza situata in vico Mattonelle, una traversa di Via San Giovanni a Carbonara.

Centinaia di botti venduti illegalmente sono, inoltre, stati sequestrati dalla Polizia Municipale nella zona di Gianturco e al Viale Maddalena.

Sequestrati a Caserta, invece, dagli agenti della Guardia di Finanza, oltre 80.600 botti illegali e artifici pirotecnici. Tra gli ordigni sequestrati, per un peso complessivo di circa 6,5 tonnellate, vi era anche la cosiddetta “Bomba Parigi“. L’ordigno, contenente circa 10 chili di polvere da sparo e una miccia programmata per far esplodere cento differenti colpi, trae il proprio nome di innegabile cattivo gusto dai recenti attacchi terroristici che hanno sconvolto la città di Parigi e l’intera Francia.