Capodanno a Colonia: la notte di terrore per decine di donne

0
Colonia, la donna stuprata

Per decine di donne la notte di Capodanno a Colonia si è trasformata in un incubo. Durante le ultime ore del 2015 nella città settentrionale della Germania un gruppo di circa mille giovani asiatici ha molestato e derubato oltre 80 donne. Le aggressioni si sono verificate nella zona tra la stazione centrale e il maestoso duomo gotico. Il sindaco ha immediatamente convocato i vertici della polizia per chiarire quanto accaduto in quella notte di terrore.

La notte del 31 dicembre un migliaio di uomini ubriachi si sono riuniti vicino alla stazione.  A gruppetti di cinque fermavano le donne di passaggio, le molestavano e le derubavano. Alla polizia sono arrivate chiamate che denunciavano rapine, ma anche  molestie, palpeggiamenti, e almeno uno stupro. Secondo il capo della polizia Wolfgang Albers, citato dalla Bbc, gli aggressori, erano all’apparenza arabi o nord-africani. Uno dei poliziotti in servizio nella zona ha detto al portale Express di aver fermato 8 persone: «Erano richiedenti asilo», ha specificato. Probabilmente il numero delle vittime è superiore, perché si teme che alcune donne non abbiano denunciato le violenze subite. La polizia è preoccupata soprattutto perché queste aggressioni sono state organizzate. L’obbiettivo era spaventare, molestare e derubare: il capo della polizia ha parlato di «una dimensione di reato completamente nuova».  Secondo il portale di informazione Koelner Stadt-Anzeiger, i responsabili delle aggressioni sono già conosciuti dalla polizia, proprio a causa dei frequenti furti che si verificano nella zona intorno alla stazione centrale.

La vicenda ha suscitato scalpore e indignazione. «Sono attacchi intollerabili, tutti i responsabili devono essere portati davanti alla giustizia», ha scritto il ministro della Giustizia tedesco Heiko Maas in un tweet. Per il sindaco Henriette Reker la situazione è piuttosto delicata: durante la sua campagna elettorale fu aggredita proprio per l’atteggiamento favorevole che aveva nei confronti dei rifugiati siriani. Un suo portavoce ha riferito che la Reker non tollererà né altri avvenimenti di questo genere né tanto meno atteggiamenti razzisti o anti migranti.  Il timore, infatti, è quello di una possibile strumentalizzazione della vicenza da gruppi di estrema destra. Il primo intervento del sindaco sarà quello di predisporre misure di sicurezza per le festività di Carnevale. Giorni in cui la città renana pullula di turisti.