25 giornata Serie A TIM, Juventus-Napoli: interviste ai protagonisti

0
Simone Zaza
Simone Zaza (ESPN)

TORINO – Finisce con la vittoria della Juventus la sfida di Torino tra i bianconeri e il Napoli di Maurizio Sarri con il risultato di 1-0 in virtù del fantastico gol di Simone Zaza al minuto 88′ (sinistro dal limite dell’area). Grazie alla vittoria dello Stadium i Bianconeri agguantano la quindicesima vittoria di fila, sorpassando i partenopei al primo posto in classifica. La Juventus è riuscita a compiere una straordinaria rimonta che dal dodicesimo posto, vittoria dopo vittoria, l’ha riportata in vetta al Campionato di Serie A. Buona partita anche per il Napoli, ma le occasioni da gol sono state poche da entrambe le parti.

JUVENTUS NAPOLI, LE INTERVISTE AI PROTAGONISTI

SIMONE ZAZA: “MI AUGURO CHE SIA IL GOL DECISIVO PER LO SCUDETTO. FELICE PER QUANTO FATTO, CONTINUIAMO COSì” – Intervenuto ai microfoni di Mediaset Premium nell’immediato dopo partita, ecco le parole rilasciate dall’attaccante lucano nell’intervista Superflash. “Spero che questo gol possa essere decisivo per il campionato. Ora dipende da noi, siamo primi in classifica. Sono stato fortunato e bravo. Merito dei compagni, che hanno giocato molto bene una gara difficile. Abbiamo limitato le loro ripartenze. E’ stata una gara dispendiosa, ma qui c’è sempre da vincere e bene così. A livello personale sono soddisfatto di me, fatta eccezione per l’espulsione contro il Genoa. Se continuiamo così nessuno ci toglierà lo Scudetto. Nazionale? L’obiettivo Euro 2016 è vivo, spero di essere protagonista e che il mister mi convochi”.

MASSIMILIANO ALLEGRI, ALLENATORE JUVENTUS: “PER DECIDERE LA PARTITA SERVIVA UN EPISODIO DECISIVO” – Intervistato dai colleghi di Sky Sport al termine del match vittorioso contro il Napoli, il tecnico livornese commenta così la prestazione dei bianconeri: “Sono contento della rimonta, perchè era il nostro obiettivo. Un bel finale, ma il cammino che ci attende sarà difficile. Il Napoli ha dimostrato la sua forza, sia nel collettivo che nei singoli. Solo un episodio poteva cambiare questa gara. Faccio i complimenti ai ragazzi per come hanno gestito la gara. Serviva questo atteggiamento un po’ aggressivo: se scateni gli azzurri in velocità diventano pericolosissimi negli spazi. I ragazzi sono stati bravi a non concedere velocità negli spazi e nelle linee. Salvo l’intervento di Bonucci non abbiamo subito nulla, ancora complimenti ai ragazzi. Il cambio di Alex Sandro? L’ho fatto per una questione tattica: Dybala era stanco, poi serviva ampiezza ed Alex è bravo nella doppia fase; complimenti anche a Simone Zaza per il gol importantissimo e per quanto sta facendo“. Sul Napoli: “Hanno speso tanto con gli esterni, Insigne e Callejon erano molto bassi. Nella ripresa hanno palleggiato più di noi, in queste condizioni solo una ripartenza poteva decidere la partita“. E sulla situazione di Bonucci: “Ha preso una botta, vediamo per Bologna. La squadra è brava nell’avere pazienza. A volte non risolvi tutto subito, e in Champions sarà così“.

MAURIZIO SARRI, ALLENATORE NAPOLI: “PARTITA DA PARI. ABBIAMO PERSO SOLO PER UN EPISODIO SFORTUNATO” – Ecco le parole dell’allenatore partenopeo dopo la sconfitta subita ad opera della Juventus: “È stata una partita bloccata e con poche occasioni: non abbiamo concesso quasi nulla perdendo soltanto a causa di un episodio sfortunato. Può capitare: la Juventus sta bene ed è in salute, ma anche noi abbiamo fatto una buona partita soprattutto difensivamente. Dovevamo essere più sciolti e sfrontati in fase d’attacco ma dover difendere così attentamente forse ci ha condizionato. E’ un vero peccato aver subito lo svantaggio quando loro si erano messi col 4-5-1 per difendere il risultato. Chi mai avesse spento il televisore all’88’ difficilmente avrebbe previsto questo risultato…“. Questa sconfitta non demoralizza il tecnico toscano e non fa cambiare i piani tattici della squadra: “Ora dobbiamo restare sereni perché siamo stati abbondantemente alla pari con loro. Noi comunque non abbiamo l’obbligo di lottare con la Juventus perché è di un’altra categoria… Non dico perché sennò riparte la polemica (per il fatturato, ndr). I punti in gioco sono ancora tanti. Napoli Higuain-dipendente? Gonzalo non ha fatto la sua miglior partita ma la squadra ha offerto comunque una bella prestazione“.