Addio a Roger Moore, l’eterno James Bond

0

La morte di Roger Moore, dopo una “breve ma coraggiosa lotta contro un cancro”, è stata annunciata dalla famiglia dell’attore tramite un comunicato ufficiale su Twitter. L’attore britannico, nato nel 1927, è stato il terzo interprete (dopo Sean Connery e George Lazenby) della saga James Bond (dal 1973 con Agente 007 – Vivi e lascia morire a Bersaglio mobile del 1985) e con un totale di 7 film anche lo 007 più longevo.

A parte 007, Moore è stato un popolarissimo attore di cinema e televisione degli anni Sessanta (anche se considerato meno carismatico di Connery, per esempio, con un’aria sempre di uno appena uscito da uno yacht a Montecarlo). A contribuire alla sua fama precedente erano state soprattutto due serie televisive: Il Santo, nella quale interpretava il “ladro gentiluomo” Simon Templar, e Attenti a quei due (The Persuaders!).

Ecco il comunicato ufficiale dei figli: “Siamo devastati. E’ con il cuore colmo di dolore che dobbiamo annunciare che il nostro amato padre, Sir Roger Moore, è morto oggi in Svizzera dopo una breve ma coraggiosa battaglia contro il cancro. L’amore che lo ha circondato nei suoi ultimi giorni è così grande che non può essere quantificato in parole. Tutto il mondo lo conosceva per i suoi film, i suoi show televisivi e per il suo lavoro appassionato per l’Unicef che lui considerava il più grande dei suoi impegni. L’affetto che nostro padre sentiva ogni volta che era su un palcoscenico o davanti ad una macchina da presa lo ha riempito enormemente e lo ha tenuto impegnato fino ai suoi 90 anni, con la sua ultima apparizione lo scorso novembre sul palco del Royal Festival Hall di Londra. La platea lo ha applaudito dentro e fuori dal palco, fino a scuotere le fondamenta dell’edificio, a poca distanza da dove nacque. Grazie papà per essere stato quello che sei stato, e per essere stato così speciale per tante persone. I nostri pensieri devono ora rivolgersi a sostenere Kristina (l’ultima moglie, ndr) in questo momento difficile e, in conformità con i desideri di nostro padre, ci sarà un funerale privato a Monaco