Afghanistan, lancio di razzi contro il Parlamento

0

Quattro razzi sono stati lanciati contro la nuova sede del parlamento afghano a Kabul, costruita con finanziamenti indiani. Ad averne dato notizia sono state l’agenzia Tolo e il portale Khaama Press, aggiungendo che, secondo fonti del ministero dell’interno, non ci sarebbero state vittime, benché uno dei razzi abbia effettivamente raggiunto l’edificio, causando solo lievi danni materiali, mentre, degli altri tre, due sarebbero caduti nei pressi e un altro all’esterno della recinzione. L’attacco è avvenuto mentre i parlamentari membri del Wolesi Jirga (camera del popolo) stavano recandosi all’edificio, ancora vuoto, per discutere della sicurezza all’interno del Paese.

Il lancio di razzi è stato rivendicato dai Talebani dell’Emirato Islamico dell’Afghanistan, tramite Zabihullah Mujahid, un loro portavoce, che con un comunicato spedito con un’e-mail, ha spiegato come sia stata presa di mira “un’area dove si trova una base dei soldati mercenari“. Il comunicato vantava anche “pesanti perdite umane e materiali“, che però sono state smentite. Dopo il lancio dei razzi, una colonna di fumo nero si è vista levarsi dalla cupola del Parlamento, inaugurato a Dicembre, con una visita a sorpresa del premier indiano Narendra Modi. Dopo l’attacco, la zona è stata circondata dalle forze di sicurezza, nel tentativo di localizzare da quale punto i razzi siano stati lanciati (lancio avvenuto attorno alle dieci locali), poiché ancora non è chiaro se si sia trattato di armi a lunga gittata o di lanciagranate a corto raggio.

Siddiq Siddiqi, portavoce del ministero degli interni dell’Afghanistan, ha reso noto che l’agenda delle attività previste all’interno dell’edificio per quella giornata non avrebbe subito variazioni.