Alla ricerca di Dory, il tenace viaggio della pesciolina smemorata

0

Uscito Giovedì 15 nei cinema italiani, il film d’animazione “Alla ricerca di Dory“, diretto da Andrew Stanton, prodotto da Pixar e Walt Disney, ha già toccato i cuori del pubblico. Il coraggioso viaggio affrontato dalla smemorata pesciolina insieme a Nemo e suo papà Marlin è un esempio di tenacia e umiltà al di là del “Soffro di perdita di memoria a breve termine” -frase con cui inizia la presentazione della piccola Dory.

Tanti ostacoli, un solo obiettivo: ritrovare papà Charlie e mamma Jenny. Dopo aver seguito, alla disperata ricerca del piccolo Nemo, la corrente oceanica, ecco che l’ansioso papà Marlin, la smemorata Dory e Nemo si ritrovano di nuovo sulla scia accompagnati dalle tartarughe alla volta del “Gioiello di Morro Bay” in California, dove è nata la piccola Dory. Non tutto però va secondo i piani, come sperava Marlin: il trio si divide nel momento in cui la pesciolina blu salendo in superificie viene presa dai volontari del parco e portata in quarantena, etichettata come pesce per un acquario a Cleveland. La storia si ripete, ma questa volta è Dory la pesciolina da salvare.

In quarantena, Dory incontra il polpo Hank che in cambio dell’etichetta per andare a Cleveland accetta di aiutarla a ritrovare i suoi genitori. Qui inizia la vera ricerca di Dory che con umiltà ammette di non poter fare tutto da sola, vista la perdita di memoria a breve termine. Il polpo che ha la capacità di mimetizzarsi inizialmente aiuta la pesciolina solo per scopi personali, poi prende a cuore la ricerca e salva Dory in varie occasioni: il coraggio di questa cambiano lo scontroso carattere di Hank che alla fine deciderà di non andare a Cleveland e di rimanere con lei per vivere in libertà.

Parallelo a questo, c’è la ricerca di papà Marlin e Nemo che perdendo la loro amica Dory devono affrontare da soli difficoltà e ostacoli per arrivare in quarantena. La mancanza della pesciolina blu nel trio, fa capire all’ansioso Marlin che nonostante il problema della memoria Dory è sempre riuscita a superare le avversità: questo porterà Marlin, alla fine, a ringraziare la pesciolina smemorata per avergli insegnato ad essere tenace.

Coraggio, umiltà, amicizia sono i tre valori trasmessi da “Alla ricerca di Dory“: la pesciolina grazie a brevi episodi ricordati e all’aiuto dei suoi amici riesce, non solo a ritrovare i suoi genitori, ma anche a liberare i pesci diretti a Cleveland.
Un film d’animazione che oltre la bellezza delle immagini, grazie ai colori dell’Oceano Pacifico, insegna ad andare oltre le difficoltà grazie al personaggio di Dory che nonostante il suo problema non si è mai scoraggiata, ma al contrario con l’aiuto dei suoi genitori ha imparato ad accettarsi e a farne “della perdita di memoria a breve termine” una diversità speciale.

Nell’intervista da La Repubblica, il regista Andrew Stanton, racconta curiosità e scelte del film d’animazione.