All’Inter si pensa al clamoroso scambio tra Nainggolan e Vidal

0
Arturo Vidal e Carlos Tevez, fonte Flickr
Arturo Vidal e Carlos Tevez, fonte Flickr

Mercato pirotecnico quello che l’Inter sta mettendo in piedi per riportare la squadra a competere in Italia e in Europa con ritrovata sicurezza. L’ultima indiscrezione parla di uno scambio che riguarderebbe le anime del centrocampo nerazzurro e blaugrana: Radja Nainggolan e Arturo Vidal. A suggerire la stimolante ipotesi di trasferimento congiunto è stato lo stesso Antonio Conte. Il tecnino salentino, pur di ritrovare il pupillo cileno allenato alla Juve, è disposto a mettere sul piatto il belga arrivato nemmeno dodici mesi fa dalla Roma.

Conte e Vidal, una storia lunga 5 anni

L’accordo potrebbe risolversi molto più velocemente del previsto. Vidal, anch’egli arrivato a Barcellona solo un anno fa dal Bayern Monaco, non ha dimenticato il mentore dei suoi anni a Torino. Il grande feeling tra i due non si è mai interrotto, nemmeno dopo la parentesi tedesca, e potrebbe presto ricomporsi in quel connubio che ha regalato ai due ben 5 trofei in 3 anni. 

Arturo Vidal però è anche il giocatore che ha proiettato in Europa i sogni e le ambizioni di una Juventus in profonda crisi d’identità dopo le tragiche guide di Ranieri, Ferrara e Del Neri. Il cileno, proveniente dal Bayern Leverkusen, in poche apparizioni, ha cambiato il volto di una squadra dal passato glorioso ma dal futuro incerto.

Insomma, sembra davvero che in caso di scambio le condizioni di tutti i protagonisti possano cambiare in meglio. Vidal tornerebbe ad essere la punta di diamante di un team da rilanciare verso un futuro ambizioso. Nainggolan aggiungerebbe lustro ad una carriera che da un minuscolo campetto di Piacenza lo porterebbe a calcare l’erba del mitico Camp Nou.

La Roma , a sopresa, al centro dell’affare

Curioso come questo affare possa interessare anche a una Roma che guarda a Milano con malcelata soddisfazione. In caso di passaggio ai blaugrana, una cospicua quota della transazione dovrebbe finire nelle casse capitoline. Con inaspettata lungimiranza il club di Pallotta riceverà ben il 10% sul costo della futura rivendita del belga che infonderebbe nelle casse giallorosse ulteriori 3 milioni dopo averne incamerati già 38 un anno fa.