Amici 19, Nicolai nuovamente in ritardo: ecco la reazione dei collaboratori

L'allievo, ammesso al serale, ha trasgredito nuovamente alle regole della produzione.

0
Amici 17
Amici 17

Il serale di Amici 19 è alle porte ma qualche allievo pare non rendersene conto. Quest’anno la produzione ha avuto non pochi problemi a causa del comportamento indisciplinato di alcuni concorrenti del programma. Vediamo nel dettaglio cosa è successo.

NICOLAI: UN BALLERINO CONTROVERSO – Nicolai, ballerino classico, è uno dei dieci allievi ammessi al serale. Tuttavia, nonostante il suo indiscutibile talento, in molti sono contrari a questa scelta a causa del suo comportamento. Il ragazzo più volte è arrivato in ritardo alle lezioni, perdendole completamente, più volte si è dimostrato indisponente nei confronti di compagni e professori. Questo suo atteggiamento non è piaciuto ai telespettatori e sul web in molti hanno richiesto l’espulsione. Nonostante il ballerino abbia conquistato la tanto desiderata maglia verde del serale, il suo comportamento non è affatto cambiato.

NICOLAI ARRIVA IN RITARDO ALLE PROVE E I COLLABORATORI LO RIMPROVERANO – La prima puntata del serale andrà in onda venerdì 28 febbraio su Canale 5, pertanto il tempo scorre. Nicolai è arrivato alle prove tardi e questo ha fatto infuriare i collaboratori poiché non aveva un motivo valido. Il ragazzo è stato richiamato perché ha impiegato troppo tempo per fare colazione e nonostante sia stato sollecitato a vestirsi, Nicolai ha completamente ignorato questa richiesta. I collaboratori di Giuliano Peparini, in questo caso Germana, sono andati a richiamarlo personalmente e hanno spiegato al ballerino: “Ti ho già detto che non si fa. Ti devi svegliare presto per venire a lezione che già abbiamo perso una fascia. Abbiamo degli incastri, non è così semplice incastrare tutti quanti”. L’tro collaboratore, invece, ha dichiarato: “Ti stavo aspettando al T5. Anche un minuto è fondamentale per il rispetto di tutti quanti che lavorano qua per voi, per te. Hai tante cose da fare, anche un minuto è fondamentale”.