Amici di Maria De Filippi, Carolyn Smith replica a Stefano De Martino: “Non posso stare zitta”

La giudice di Ballando con le Stelle replica duramente alle parole di Stefano De Martino sul guanto di sfida tra Serena e Martina

0
Amici 17
Amici 17

Ieri sera è andato in onda il consueto appuntamento con Amici di Maria De Filippi, su Canale 5. Stefano De Martino sta perdendo molti consensi a causa del suo ruolo di giudice; nello specifico, l’ex ballerino è accusato da molti telespettatori di non essere imparziale e di voler andare contro Alessandra Celentano a tutti i costi. Questa volta è intervenuta (per la seconda volta) Carolyn Smith, giudice di Ballando con le Stelle.

GUANTO DI SFIDA TRA MARTINA E SERENA – Nella puntata di ieri, la ballerina Martina è stata eliminata dal talent show ma prima protagonista di una grande polemica. La ragazza ha ricevuto dalla maestra Celentano un guanto di sfida contro Serena su un pezzo Charleston. Lorella Cuccarini, coach di Martina, non ha accettato il guanto e ha chiesto il parere dei giudici per capire se fosse equo oppure no.

Stefano De Martino ha infatti dato ragione alla Cuccarini, spiegando che una ragazza che non ha base classica non avrebbe mai potuto fare quel tipo di coreografia senza modificarla. A quel punto, la Cuccarini ha chiesto di cambiare destinatario e far esibire Alessandro, il quale l’ha effettivamente eseguita egregiamente, nonostante ci fossero parecchi movimenti femminili.

LA REPLICA DI CAROLYN SMITH – La giudice di Ballando con le Stelle è intervenuta nuovamente sulla questione replicando alle dichiarazioni di Stefano De Martino. “Mi dispiace, non posso stare zitta. Non parlo dell’esibizione, ma delle dichiarazioni fatte in studio. Caro Stefano, perché dici che nessun ballerino può fare il Charleston? Far from the truth!” ha esordito la donna su Instagram. “La carica istintiva della musica jazz, unita all’eccentricità dei passi, dovette infatti sembrare ai benpensanti, più che una liberazione dagli schemi precedenti in nome di una nuova spontaneità, una sorta di delirio collettivo. Non potevano certo immaginare che il charleston era solo il punto di partenza di un’evoluzione del ballo – o meglio di una rivoluzione – che nata dall’incontro con la musica afroamericana avrebbe generato nell’arco di qualche decennio fenomeni quali il boogie woogie e il rock n roll e Jive, wing, smooth etc” ha continuato la giudice.

“Il Charleston si è sviluppato nel Ballroom e Latin World. Poi, inoltre, il Charleston è ballato da uomini e donne. Non solo donne. Per finire, la coreografia poteva essere modificata senza problemi e senza perdere nulla. Gentilmente informati prima di dire inesattezze. Non sottovalutare il mondo del Latin America International style” ha concluso. Cosa risponderà Stefano De Martino?