Amici, grave lutto per Valerio Scanu: si è spento il padre Tonino

0
Amici 17
Amici 17

Un grave lutto ha colpito un amato ex allievo di Amici. Si tratta di Valerio Scanu, noto per la sua partecipazione al noto talent di Maria De Filippi, che ora si ritrova a dover affrontare un grande dolore. A 64 anni si è spento il padre Tonino dopo una dura lotta contro il Coronavirus, durata più di un mese.

“Per ora Valerio è chiuso nel suo dolore” – A dare il triste annuncio è stato il quotidiano “La nuova Sardegna”, aggiungendo, riguardo l’attuale stato d’animo di Scanu: “Per ora Valerio è chiuso nel suo dolore ed ha preferito non rilasciare dichiarazioni”. 

A parlare della lotta che il 64enne si è ritrovato a dover affrontare è stato Valerio stesso, raccontando il tutto durante l’intervista a Storie Italiane avvenuta lo scorso 10 dicembre. Il calvario vissuto dal 30enne ha avuto inizio circa un mese e mezzo fa. Nel talk show di Rai 1 il cantante aveva rivelato che il padre si trovava in terapia intensiva da 11 giorni. Inoltre, sempre durante l’intervista, l’ex allievo di Maria De Filippi ha parlato anche di ciò che vivono i familiari del ricoverato. Infatti, il non poter contattare il malato e il dover quindi parlare con i medici, in questo duro periodo impegnati in prima linea, porta a non avere abbastanza informazioni:

“Molte notizie erano frammentarie: loro sono in Sardegna, io a Roma. Adesso abbiamo tutte le informazioni, ma le sue situazioni migliorano e peggiorano da un momento all’altro”. 

L’ULTIMO SALUTO DEL CANTANTE – Solo un’ora fa l’ex concorrente di Amici ha deciso di rompere il silenzio. Sulla sua pagina ufficiale di Facebook, Valerio ha voluto fare un ultimo saluto all’amato papà, dedicandogli una commovente dedica:

“Quando tutto è iniziato il mio più grande terrore era proprio che si arrivasse a questo punto…
Ho sempre visto mio Babbo come Highlander… la persona più buona ma anche più forte del mondo… l’uomo che in ogni situazione sapeva prendere le redini e gestirla al meglio, anche le più drammatiche…
Trovandoci così, senza che lui potesse proteggerci e tutelarci , mi è venuto da pensare “ma queste cose le ha sempre fatte Babbo, non posso, non sono in grado io, ora”…
Devo fare dei doverosi ringraziamenti a tutto lo staff medico e infermieristico del Mater Olbia che in questo periodo ha sempre avuto cura di Babbo… un GRAZIE ai dottori Formicola, Pulzone, Sechi, Piras, Grande, Jovanovic, Oggiano coi quali mi sentivo per i quotidiani aggiornamenti… siete stati , comunque, i miei grandi Eroi…
Grazie alla mia FAMIGLIA che anche in questa occasione si è dimostrata più grande e solida di quanto non lo sia sempre stata…
Questa emergenza sanitaria non aiuta di certo a sopportare questo dolore… So bene che in tanti sareste voluti venire per dare l’ultimo saluto a mio padre ma non posso permettere che altre persone rischino di passare le sue stesse sofferenze… Babbo direbbe e farebbe la stessa cosa…
Con grande difficoltà faccio appello alla responsabilità di tutti e vi dispenso dalle visite e dalla partecipazione ai funerali…
Beh, Babbo mio, la gratitudine di essere tuoi figli è molto più forte della morte e del dolore che ora ci sta soffocando…
Ti amiamo infinitamente
Valerio Alessandro Sonia”