venerdì, Luglio 19, 2024
HomeCalcioSerie AInter, una squadra lunga e poco pericolosa: Icardi ne risente

Inter, una squadra lunga e poco pericolosa: Icardi ne risente

Il pareggio tra Inter e Juventus non è stato decisivo per la classifica di Serie A come si pensava. Nessuna delle due squadre è riuscita a prevalere sull’altra ed entrambe hanno perso punti sulla Roma e sul Napoli. Il pareggio può essere sostanzialmente giusto perché nel primo tempo l’Inter si è vista un po’ di più mentre è poi scomparsa nella ripresa, quando la Juventus sembrava poter segnare da un momento all’altro. Soliti problemi per l’Inter che ormai rappresentano la sua fisionomia, il che a lungo andare è preoccupante: 8 goal segnati in 8 giornate sono decisamente troppo pochi e di conseguenza Icardi ne ha segnati solamente due, tra cui il goal della bandiera contro la Fiorentina.

ICARDI IL MANSUETO – A parte la traversa di Brozović e l’occasione di Jovetić murato da Chiellini e Buffon, non si ricorda una nitida palla goal per l’Inter né tantomeno, siamo alle solite, un tiro degno di nota di Mauro Icardi, il suo centravanti. L’attaccante argentino, non necessariamente per demeriti suoi, risulta quasi un corpo estraneo alla squadra in fase offensiva. Chi lo ha al fantacalcio sta cominciando a rassegnarsi e a pensare di cederlo: non riusciamo a trovare nessuna motivazione valida per dissuaderlo dal farlo. Questo Icardi in questa squadra non dà nessun segnale di poter tornare a fare goal da un momento all’altro, semplicemente perché non arriva alla conclusione. Difficile pensare, quindi, che possa confermarsi sugli standard degli anni scorsi avendo segnato solo due goal in 8 giornate. Non essendo il tiro da fuori una delle sue armi speciali, Icardi rimane quasi sempre isolato in area di rigore a guardare lo svolgimento del “gioco” nerazzurro e poche volte si viene a prendere palla fuori area per giocarla: domenica l’ha fatto in occasione del suo cross in area per Perisic risultato di ottima fattura ma prontamente spazzato via dalla retroguardia bianconera; azione questa, su cui bisogna lavorare perché Icardi deve assolutamente abituarsi a fare questo tipo di movimenti affinché l’Inter abbia un’arma in più e possa impensierire in qualche modo gli avversari.

IL BUCO NERO(AZZURRO) A CENTROCAMPO – Chiunque abbia guardato anche qualche spezzone della partita di domenica o in generale dell’Inter in questa stagione si sarà reso conto del suo problema: nessun giocatore a centrocampo è in grado di impostare il gioco, ma spesso e volentieri la manovra parte dai difensori che, non avendo nessun uomo a disposizione nelle vicinanze, finiscono per effettuare un lancio lungo. Questo succede perché il centrocampo dell’Inter, per caratteristiche più dedito alla fase difensiva, si abbassa quasi livellandosi alla difesa e creando un vuoto di campo di 40 metri (se non di più) con gli attaccanti, e a quel punto è difficile vedere una manovra fluida. L’azione tipo dell’Inter è palla a Jovetić (alta o bassa che sia) e preghiamo. Preghiamo che il vero fuoriclasse di questa squadra riesca a inventarsi un numero dei suoi per andare alla conclusione o per smarcare un compagno. Non si possono vincere le partite in questo modo, con l’episodio. Al massimo se ne può risolvere qualcuna. Ma questo sembra essere il marchio di fabbrica di questa Inter. Senza episodio e senza qualche palla inattiva favorevole non riesce a vincere.

Mancini sarà anche giustificato perché siamo ancora (relativamente) all’inizio del campionato e ha tanti nuovi giocatori da assemblare, ma per ora non c’è nessun segnale che faccia pensare che tra 5-10 giornate l’Inter riuscirà a migliorare i problemi che abbiamo esposto, in primis quello del centrocampo. La classifica sorride ancora, l’Inter è a un punto dal primo posto, ma i tifosi non si devono illudere, il cammino è ancora lunghissimo e tortuoso, a quanto pare.

Walter Molino
Walter Molino
Laureato in Mediazione Linguistica e Culturale (Spagnolo, Portoghese e Catalano) all'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale", appassionato di calcio e basket.
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME