Ancora una volta manca il salto di qualità…

0
Maurizio Sarri
Maurizio Sarri, foto di flickr.com

Ancora una volta il Napoli fallisce il salto di qualità. Delle prime 9 squadre in classifica ha vinto soltanto la Juventus (ormai lanciatissima verso il sesto scudetto consecutivo) e un’Inter ritrovata che trova la settima vittoria consecutiva.

L’occasione era delle più ghiotte: agganciare la Roma al secondo posto; tenere a distanza l’Inter, quarta in classifica, a meno 3 dagli azzurri che è in un periodo di forma straordinario contraddistinto da 7 vittorie consecutive; allontanare definitivamente Lazio e Milan sconfitte rispettivamente da Chievo e Udinese; e tenere ancora aperta una piccola finestra con vista scudetto.

E invece il Napoli incappa nel solito stop che gli consentirebbe di fare quel definitivo salto di qualità che ormai la tifoseria aspetta da oltre 5 anni. La squadra di Sarri non riesce a battere un Palermo a cui nemmeno la vittoria, probabilmente, sarebbe servita, considerando che i rosanero sono a -10 dalla zona salvezza.

A dire il vero nelle ultime uscite di campionato il Napoli non aveva espresso un gioco spumeggiante: dopo il pareggio agguantato all’ultimo secondo con la Fiorentina sono venute una risicata vittoria contro la Sampdoria (avvantagiata dall’espulsione di Silvestre); una vittoria contro il Pescara che, nel primo tempo, aveva messo in grave difficoltà gli azzurri e la vittoria a S.Siro in cui si è giocato, bene, soltanto i primi 10 minuti. E, a conclusione di questo periodo non proprio brillante dal punto di vista del gioco, il pareggio col Palermo.

Oltre alla prevedibile non perfetta forma di Ghoulam e la miglior partita stagionale di Posavec (che nonostante l’errore sul gol di Mertens ha fatto 5/6 parate decisive), le attenuanti sono davvero poco.

Probabilmente durante la pausa invernale Sarri ha sottoposto i suoi a un richiamo di preparazione tale da portare la squadra a una condizione ottimale a metà febbraio (quando ci saranno gli ottavi di Champions), ma proprio in chiave Champions questi erano tre punti fondamentali. La Roma non è stata raggiunta e l’Inter si avvicina pericolosamente.

Non ci sono scuse, contro il Palermo si doveva vincere