Andrea Iannone: “Al Mugello correrò con una micro frattura”

0

Quella che sembrava una semplice caduta con una sublussazione della spalla, si è trasformata in una micro frattura alla testa dell’omero: correrà così Andrea Iannone il suo GP del Mugello, il primo in sella alla Ducati ufficiale.

L’11 e il 12 maggio scorso il pilota di Vasto, insieme al compagno di box, Dovizioso, si è recato nel circuito privato per una sessione privata di test.

È filato tutto liscio fino a quando, al termine del secondo giorno, Iannone è scivolato all’Arrabbiata2, puntandosi nella ghiaia e iniziando a rotolare cadendo poi in malo modo.

Iannone non è la prima volta che si infortuna la spalla sinistra ed è stato bravissimo a rimettersi in sede da solo all’istante la spalla, però quella che appunto sembrava una cosa da poco si è rivelato un problema più serio.

Nei giorni scorsi Iannone si è sottoposto ad una risonanza magnetica che ha evidenziato la micro frattura della testa dell’omero: ecco spiegato il motivo della difficoltà della Clinica Mobile ad alleviare i dolori alla spalla durante il GP di Le Mans: “Sicuramente domenica correrò al Mugello ma difficilmente sarò al 100% delle condizioni fisiche. Da un paio di giorni avevo smesso di prendere gli antidolorifici e ieri sono stato sottoposto ad una risonanza magnetica. Purtroppo mi hanno trovato una microfrattura alla testa dell’omero, e sinceramente è stata una brutta sorpresa. L’edema mi provoca ancora molto dolore e sto continuando a fare terapia laser per cercare di farlo assorbire prima possibile. Comunque stringerò i denti come ho fatto a Le Mans, perché è troppo importante per me e per Ducati fare una bella gara davanti al pubblico del Mugello.”

Già in condizioni difficili Iannone si è distinto sul circuito francese per aver tenuto testa a Marc Màrquez, sicuramente il calore del pubblico di casa aiuterà, almeno un po’, a mettere a tacere il dolore provocato dallo sforzo a cui verrà sottoposta la spalla.