Andrew Garfield e Daisy Edgar-Jones in una serie di FX per Hulu

0
andrew-garfield-attore
Andrew Garfield. Fonte screen youtube.

Andrew Garfield e Daisy Edgar-Jones lavoreranno insieme a una serie di FX per Hulu. Dustin Lance Black è lo sceneggiatore del progetto.

I due attori saranno infatti i protagonisti della miniserie Under the Banner of Heaven, basata sul bestseller omonimo di Jon Krakauer.

Dustin Lance Black ha deciso di partecipare al progetto per il suo legame con il materiale. Dustin Lance Black è infatti cresciuto in un ambiente mormone, presentato nel libro. Lo sceneggiatore vinse nel 2009 il Premio Oscar per miglior sceneggiatura originale con Milk.

Pertanto il libro di Krakauer, pubblicato nel 2003, esplora due storie contemporaneamente: l’origine e l’evoluzione della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli ultimi giorni (LDS Church) e un moderno doppio omicidio commesso in nome di Dio dai fratelli Ron e Dan Lafferty, seguaci di una versione fondamentalista del mormonismo.

 La serie con Andrew Garfield e Daisy Edgar-Jones non si discosterà molto dal materiale originale, come riporta The Hollywood Reporter:

“La fede di un devoto detective viene messa alla prova mentre indaga su un brutale omicidio che sembra essere collegato alla discesa di una prestigiosa famiglia dell’Utah dentro il fondamentalismo della LDS Church, arrivando a non fidarsi del governo”. 

Andrew Garfield interpreterà Pyre. Il suo personaggio viene descritto come un membro di lunga data della LDS Church che inizierà a mettere in discussione alcuni insegnamenti dopo essere entrato in contatto con una persona sospettata di aver commesso un omicidio. Invece, Daisy Edgar-Jones sarà Brenda, devota della chiesa mormone e vittima di un brutale omicidio.

Dustin Lance Black voleva già adattare il libro sul grande schermo nel 2011. Per questo non si è fatto sfuggire l’opportunità di partecipare all’adattamento televisivo.

Ecco la dichiarazione di Lance Black in merito al progetto:

“Dopo così tanti anni di lavoro, sono estremamente grato a Imagine e FX per la loro pazienza e impegno nel portare questa storia sullo schermo. Sono stato cresciuto in quell’ambiente. Spero che questo thriller, tratto da una storia vera, possa portare alla luce le atrocità commesse in nome di Dio che avvengono proprio attorno a noi”.