ESCLUSIVA-Antonio Gherghetta:” In sostanza i blogger sono per le aziende degli efficaci e originali strumenti pubblicitari”

0
Antonio Gherghetta
Antonio Gherghetta

In esclusiva per Dailynews24 il blogger Antonio Gherghetta

Ci racconti chi è Antonio Gherghetta
Antonio è un ragazzo d’origine croata, nato a Milano il 5/08/1990 ma cresciuto in Friuli. Sin da piccolo emerge la sua predisposizione all’arte e alla creatività, i suoi compagni di giochi non sono infatti peluche o macchinine bensì la gomma e la matita. Tale passione negli anni però si
affievolisce o meglio viene soffocata dal percorso scolastico intrapreso, non esattamente in linea con la sua personalità e i suoi talenti. Tra il 2008 e il 2009 consegue il diploma di Liceo Scientifico superando l’esame di maturità con un punteggio decisamente buono, nonostante la matematica e le materie scientifiche fossero sempre state per lui un tasto dolente. Nel 2014 ottiene la laurea triennale in lettere presso l’università di Trieste e nel 2016 quella specialistica in Teoria e metodi per la comunicazione alla Statale di Milano.
Caratterialmente è un orgoglioso, testardo, permaloso, generoso e spesso insicuro. Gli anni delle scuole sono stati forse i più difficili e i meno felici, del resto per nessun adolescente è facile acquisire consapevolezza di sé e affacciarsi al complesso mondo degli adulti. La questione poi si fa ancora più complessa e articolata soprattutto per chi è sbeffeggiato o comunque considerato un “brutto anatroccolo”. Non essendo tenuto in grande considerazione dai ragazzini della propria età, cresce con una grande voglia di rivalsa e passo dopo passo cerca di riscattarsi. Una volta terminate le scuole decide di iscriversi in palestra, comincia a portare le lenti a contatto, cambia taglio di capelli, modificando il suo aspetto fisico comincia ad acquisire maggior sicurezza in se stesso e da ragazzino timido e chiuso si trasforma in un giovane uomo, deciso nelle decisioni che prende, socievole e intraprendente.
Di che cosa si occupa attualmente?
Attualmente lavoro part time in un negozio d’abbigliamento, presso un Outlet Village in Friuli. Le mie aspirazioni sarebbero altre ma il periodo che il nostro paese sta ormai vivendo da diversi anni non è tra i più rosei. Come molti altri giovani della mia età ho dovuto accontentarmi di quello che sono riuscito a trovare. Cerco comunque di coltivare i miei sogni e le mie aspirazioni e di tenermi aperte quante più porte possibili e una di queste riguarda proprio il mio impegno di blogger.

Che ruolo hanno i blogger e in generale gli influencer, nella società di oggi?
Al giorno d’oggi ormai si vive attraverso i social, siamo continuamente connessi, navighiamo in internet 24 ore su 24. La rete rappresenta una grande e importante vetrina, in molti cercano di sfruttarne le potenzialità di guadagno e diventare dei piccoli imprenditori, dei professionisti del settore.
Ormai in tutti i social c’è un’abbondanza spropositata di influencer e blogger e proprio per
tale motivo sono in tanti a pensare che sia sempre più difficile distinguersi e che tutto questo
“sovraccarico” di desiderosi aspiranti Mariano Di Vaio diminuisca le possibilità di emergere.
Io personalmente non sono d’accordo. Come in ogni settore e campo artistico i migliori riescono sempre a farsi notare, a spiccare rispetto alla massa. Forse anche io non ho nulla di particolare che può interessare e incuriosire, forse sono come la maggior parte di questi ragazzi, un illuso destinato a non realizzare i propri sogni. Credo però che non ci sia nulla di male nel tentare la sorte, nel rimboccarsi le maniche e darsi da fare, soprattutto se si tratta di una passione che tiene la mente occupata.
Nella società di oggi i veri influencer (non credo di potermi ritenere tale non ancora almeno) hanno un grande potere, soprattutto sui giovani che navigano no stop in rete. Influenzano nel vero senso della parola coloro che li seguono e avendo di conseguenza un tale ascendente risultano essere dei bocconcini succulenti per varie tipologie di brand che vogliono pubblicizzare e far conoscere i loro prodotti.
In sostanza i blogger sono per le aziende degli efficaci e originali strumenti pubblicitari
mentre per il pubblico un modello a cui ispirarsi per seguire tendenze e lifestyle.

Quali sono le sue passioni?
Penso si sia già capito che mi piace l’arte, sia che si tratti di fotografia che di disegno. Adoro andare al cinema e uscire con gli amici, una buona compagnia penso sia sempre il miglior antistress e rimedio per far tornare il buonumore. Sono poi un appassionato di canarini, di cui posseggo un mini allevamento nel giardino di casa.

Che rapporto ha con i social network?
Diciamo che essendo nato negli anni ’90 mi considero a cavallo tra due generazioni, quella che fa parte dell’era delle nuove tecnologie e quella del passato che sapeva apprezzare un buon libro, fatto di pagine ingiallite e di rigide copertine. I social sono per me uno strumento, un supporto per incrementare le mie conoscenze e coltivare quelle di una vita. Spero poi che un giorno possano anche far parte di un mio possibile lavoro.

Una domanda che tutte le sue fan si chiedono. È single? Quali caratteristiche deve avere la sua donna ideale?
Al momento sono fidanzato da due anni. Diciamo che non ho un prototipo, un modello fisso che si ripete, anche se credo che sia una cosa abbastanza normale e comune. Ognuno di noi quando si innamora viene conquistato da qualcosa che è talmente forte e irrazionale che non si è in grado di spiegare con le sole e semplici parole. Qualcuno parla di chimica, qualcun altro di affinità, qualsiasi cosa sia, so solo che arriva senza preavviso, inaspettatamente. Non ho quindi da elencare caratteristiche particolari, deve piacere nel complesso, devo sentirmi attratto fisicamente, e per fisicamente non intendo un bel corpo e basta, mi riferisco più che altro ad un atteggiamento accattivante.

Quali sono i suoi progetti futuri?
I miei progetti futuri sono al momento piuttosto nebulosi. L’intento è quello di trovare un posto di lavoro che mi possa offrire una minima stabilità e sicurezza economica e che mi dia l’opportunità di poter finalmente uscire di casa. In parallelo continuerò ad impegnarmi nella mia attività/passione di blogger sperando magari un giorno di poterla considerare un secondo lavoro e magari alla fine un impiego a tempo pieno.

Gallery Antonio Gherghetta