martedì, Giugno 18, 2024
HomeSpettacoloMusicaAriete: la prima data dello "Specchio tour" a Milano - recensione

Ariete: la prima data dello “Specchio tour” a Milano – recensione

A distanza di un anno, Ariete torna al Carroponte per la prima data, milanese, del suo nuovo Specchio tour.

Quante cose possono cambiare in meno di un anno? Moltissime. Ritroviamo Ariete più matura, precisa nel canto e sicura del percorso artistico che ormai da qualche anno ha intrapreso. Una carriera cominciata da giovanissima, un successo arrivato in punta di piedi che in poco tempo ha sfondato tutte le classifiche italiane.

Arianna del Giaccio in arte Ariete, giovanissima cantautrice romana, torna con uno spettacolo emozionante e consapevole. Niente mascherine, sedie, nè distanze tra le persone, hanno permesso di godersi a pieno il concerto quasi sold out dell’artista.

In apertura come di consueto Tenth Sky che riscalda il pubblico in trepidante attesa.

Entra Ariete e inaugura lo spettacolo con “Specchio” la canzone che dà nome al suo ultimo album. Continua con “Giornate Noiose”, “Solo te” e “Club” singolo prodotto da Sick Luke. “Mille guerre”, “Elle” e “Fragili” anticipano la tanto attesa “Quel bar” uno dei primissimi brani caricati su Spotify dall’artista quando ancora non era entrata nella scuderia Bomba Dischi.

Come in ogni suo concerto, Ariete, cerca di portare un messaggio che possa unire gli adolescenti e i loro genitori, che celebri la libertà in tutte le sue forme. Prima di parlare, l’artista chiama sul palco 4 ragazze dal pubblico: “Salite se avete qualcosa da dire, dichiarazioni… insomma qualcosa di importante”. Decisamente un momento da ricordare, commovente e vero che ancora una volta permette di sottolineare il messaggio che Ariete vuole portare sul palco: “Questo è un discorso che io faccio sempre, sin da quando sono piccola. Ci tengo a farlo per sempre fino a che avrò la possibilità. Da sempre mi sta molto a cuore l’amore, la libertà d’espressione, la libertà di fare le proprie scelte senza intaccare la felicità degli altri” […] “se non avete un posto sicuro, voglio che questo sia il vostro posto sicuro anche solo per un’ora e mezza, voglio che sappiate che non siete soli e che fino a che starete bene e non farete del male agli altri, le vostre scelte saranno sempre le scelte giuste”. Il discorso si conclude sulle note di “Venerdì”.
Fonte: immagine autorizzata alla pubblicazione – credits: Federico Melzi

Arriva il momento di “Amianto” e “Pillole”, le cantano tutti, aiutando l’artista anche a cantare la parte di Madame sulle note di “Cicatrici”. Arrivati alla fine, dopo i ringraziamenti alla band, Ariete torna sul palco con un ospite: Rkomi con cui canta “Centomila voci”. Si conclude il concerto con “Castelli di lenzuola”, “18 anni” e infine, ai saluti finali, Ariete anticipa il brano “Tutto (con te)” che uscirà a mezzanotte.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME