Arsenal – Bayern Monaco 2 – 0, Neuer protagonista tra la magia e la papera!

0

Gara entusiasmante e dal volto sconosciuto quella disputatasi ieri sera tra l’Arsenal di Arsène Wenger ed il Bayern di Guardiola. Protagonisti assoluti del match, nel bene e nel male, sono stati i portieri, da entrambe le parti, i quali nel primo tempo hanno saputo mantenere a suon di guantoni il risultato fermo sullo 0-0. Nonostante le tante nitide palle goal nella prima metà le squadre tornano negli spogliatoi a reti inviolate, una su tutte la parata del portiere bavarese sul colpo di testa Walcott da distanza ravvicinata al 33’. Nel secondo tempo, però, il match cambia volto, con lo stesso Immanuel Neuer che al 77esimo minuto su di un cross dei Gunners esce completamente a vuoto, disturbato dalla mischia creatasi in area, lasciando volare il pallone su tutta l’area di rigore, fino ad impattare sulla testa di Giroud, il quale in tuffo mette dentro. Sigla così l’ 1-0 l’attaccante dell’Arsenal, entrato da soli 3’. Possiamo dire, quindi, un Neuer croce e delizia dei bavaresi, con tanti ottimi interventi, una magia al 33esimo ed una papera clamorosa al 32esimo minuto del secondo tempo. Dall’altro lato, invece, Petr Cech, goalkeeper ex Chelsea, non cede, mantenendo salva la sua porta fino allo scadere, nonostante i numerosi attacchi tedeschi, tra i quali in particolare ricordiamo i tentativi di Alcantara e Vidal. Al 94’ arriva addirittura il 2-0 per i Gunners, grazie ad un anticipo di Hector Bellerin, il quale con una progressione degna di un velocista arriva sul fondo, per poi scaricare al centro sui piedi di un Özil libero, il quale pare possa mettere dentro indisturbato, ma anche qui arriva la manata di Neuer, sempre pronto a sfidare le leggi della fisica, il quale però nonostante si sia immolato, apparentemente salvando la rete del raddoppio, nulla ha potuto. L’arbitro ha concesso il goal, confermato poi anche dai replay in moviola nel post partita.

Una partita, insomma, che ha saputo regalare emozioni e spettacolo ai massimi livelli ai suoi spettatori. Il risultato dice tanto sull’imprevedibilità di questa Champions, con un Arsenal che torna in corsa, a 3 punti, dopo due sconfitte. Il Bayern mantiene invariata la sua condizione di prima nel girone, a quota 6 punti, in compagnia di un Olympiakos, anch’esso a quota 6, reduce dalla vittoria per 1-0 in trasferta ieri sera, a casa della Dinamo Zagabria, la quale si trova adesso a quota 3 punti, al pari dell’Arsenal.

Bayern Monaco che non esce affatto ridimensionato dalla sfida oltremanica, anche perché ha saputo far registrare dati importanti ieri sera, come il 70% di possesso palla nel primo tempo. Un risultato falsato, quindi, che non deve impensierire i teutonici di Pep Guardiola, una competizione nella quale i bavaresi hanno saputo sempre impressionare, almeno negli ultimi anni, portando a casa la coppa “dalle grandi orecchie” nella stagione 2012/2013 ed arrivando fino alle semifinali negli ultimi due anni. Vedremo quest’anno fin dove arriverà la corsa dei tedeschi in maglia rossa.