domenica, Maggio 19, 2024
HomeAttualitàAtypical: la nuova serie di Netflix con Jennifer Jason Leigh

Atypical: la nuova serie di Netflix con Jennifer Jason Leigh

(Atypical, Sam)

Jennifer Jason Leigh é una delle attrici più amate e famose, nota maggiormente per  film quali “Miami Blues”, “America oggi” e “Georgia”. Nominata varie volte ai Golden Globe, avrà un ruolo importante nella nuova serie di Netflix: Atypical.

In uscita l’11 agosto, é stata ideata da Robia Rashid e diretta da Seth Goldon, registra e produttore esecutivo. Insieme hanno anche partecipato alla realizzazione della comedy familiare “The Goldbergs”, uscita nel 2013.

Si tratta di una mini serie che comprenderà otto episodi complessivi, della durata di venticinque minuti l’uno. Raccontata dal punto di vista del protagonista Sam, segue le vicende della sua vita.

Interpretato da Keir Gilchrist, Sam é un ragazzo autistico di diciotto anni. Come molti della sua età, vuole diventare indipendente e decide che é arrivata l’ora di avere una relazione  sentimentale. Ciò trascinerà la sua famiglia in vicende divertenti e dolorose e coinvolgerà, dunque, anche i suoi genitori: Elsa (Jennifer Jason Leigh) e Doug (Michael Rapaport). Tuttavia, anche questi ultimi, hanno dei problemi e cambiamenti da affrontare.

Ma Sam é quello “strano”. L’impacciato. “L’anormale”. Perciò spesso viene preso in giro dai suoi coetanei.

Con l’aiuto della sua terapeuta, cercherà di togliersi questa maschera che gli altri avevano creato. Rifletterà, inoltre, sul significato di “normalità”.

Dietro alla leggerezza della comedy familiare, si nasconde un messaggio bellissimo. Parte dal semplice fatto che la normalità non può essere il frutto di stereotipi. Gli fanno osservare come essa non esiste. Nessuno é normale. Ognuno é speciale, o “strano”,  a modo suo.

Scopre, in questo modo, che per farsi accettare deve osare e farsi notare.

Scopre l’imperfezione degli altri:

gli esseri umani non sono perfetti perché non sono macchine

Con semplicità arriva al cuore degli spettatori, mostrando il punto di vista “anormale” e “non convenzionale” di un ragazzo affetto dal disturbo dello spettro autistico.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME