Ban Ki-moon sull’Armenia: crimine atroce, ma non genocidio

0

Le parole di Papa Francesco, durante la messa domenicale, hanno definito come primo genocidio dello scorso secolo quello compiuto dall’impero ottomano sul popolo armeno, nel 1915. Ankara, di contro, si difende dichiarando che non si può parlare di genocidio, senza avere una sentenza da parte di un tribunale internazionale. Oggi, il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, dichiara di prendere atto su quanto detto dal Santo Padre, ma non concorda con questa definizione, per lui si tratterebbe di crimine atroce, ma non genocidio.  

Il portavoce delle Nazioni Unite, Stephane Dujarric, riferisce che il Segretario generale dell’Onu è estremamente certo che la reciproca collaborazione tra armeni e turchidovrebbe rafforzare la nostra comune determinazione a prevenire la reiterazione di simili atroci crimini”. Proprio perchè, secondo Ban Ki-moon, non si tratterebbe di genocidio, non ha alcuna intenzione di istituire una commissione internazionale che sentenzi sulla questione. “Prendo atto di ciò che ha detto il Papa– afferma- ma ci sono stati colloqui con le comunità coinvolte e credo sia importante che questo dibattito continui al fine di stabilire la verità”.