Barcellona, organizzano un’orgia e violano la quarantena: arrestati in otto

Otto uomini facendosi beffe della quarantena da Coronavirus, si sono recati ieri presso un appartamento nella capitale catalana per organizzare un'orgia

0
Vista del porto di Barcellona, Foto Wikipedia
Vista del porto di Barcellona, Foto Wikipedia

La Spagna è uno dei paesi in cui il Coronavirus si è maggiormente diffuso e, infatti, il Presidente Pedro Sánchez ha da poco allungato la quarantena di altri quindici giorni per cercare di arginare il contagio da Covid-19 che sta dilaniando la popolazione spagnola. Tuttavia, ieri a Barcellona la polizia è dovuta intervenire dopo aver ricevuto una strana segnalazione.

I Mossos D’Esquadra (la polizia dell’autonomia della Catalogna) ha arrestato otto persone accusate di traffico di droga che hanno, inoltre, organizzato un’orgia in una casa a Barcellona durante la pandemia del Coronavirus. I fatti sono avvenuti all’incirca alle dieci e mezza di ieri sera, quando uno degli invitati ha chiamato il 112 denunciando il tutto.

All’interno dell’appartamento, gli agenti hanno trovato diversi tipi di sostanze stupefacenti come droga, cocaina ed ecstasi. Tutti i detenuti sarebbero uomini. L’orgia era stata organizzata da circa venti persone, ma alla fine solo otto di loro si sono recate presso l’appartamento sito in Carrer Casp (sita tra la Piazza Tetuan e l’Arc de Triomf) nella capitale catalana.

Gli agenti dei Mossos d’Esquadra si sono presentati presso il domicilio, utilizzato di solito come casa turistica che infatti era stato affittato da uno dei partecipanti, e si sono confusi tra le persone che avrebbero partecipato alla “riunione”.

Dopo essersi identificati come membri della Polizia, sono entrati e hanno controllato tutte le persone; addirittura è stato praticato un tampone a uno dei partecipanti che accusava forti sintomi di tosse, tampone poi, per fortuna, risultato negativo. I partecipanti sono stati arrestati per delitto di possesso di sostanze stupefacenti e dovranno anche rispondere dell’accusa di aver violato lo stato di quarantena ed essere usciti di casa per motivi non indispensabili.