Berlusconi: “El Shaarawy? Vi dico il vero motivo per il quale è stato ceduto”

0

Berlusconi ha festeggiato in questi giorni il trentennale della sua gloriosa presidenza alla guida del Milan e ha parlato a lungo riguardo l’attualità della sua squadra. Il patron rossonero si è detto molto convinto del progetto in atto e orgoglioso di costruire un Milan pieno di italiani. Il discorso ha riguardato vari calciatori come Gianluigi Donnarumma, talento classe 1999 che Mihajlovic ha avuto il coraggio di schierare titolare e che ora è inseguito da mezza Europa. “Donnarumma resterà con noi e diventerà la bandiera del Milan per i prossimi venti anni, non ascolteremo nessun offerta per lui” ha detto il Pres. Gli altri giovani del progetto sono Balotelli, Abate, Romagnoli, De Sciglio, Calabria, Antonelli, Bonaventura, Montolivo, Locatelli, Bertolacci e Poli. Un altro che avrebbe potuto fare grandi cose è Stephan El Shaarawy che aveva bene iniziato la sua avventura in rossonero ma poi si è perso. Silvio Berlusconi ha rilevato il retroscena riguardante la sua cessione: “Noi volevamo che lui facesse la prima punta, ma Stephan preferisce giocare largo, sull’ala. Adesso chi dovrebbe prendere il suo posto è Bonaventura, a me piacerebbe vederlo dietro le punte“. Un presidente del Milan che come al solito dà consigli tattici al suo allenatore, anche se molti tifosi rossoneri ancora rimpiangono il talento ormai alla Roma di origini egiziane.