Biosphera 2.0: la casa del futuro che si riscalda pedalando

0

Bioshera 2.0 è la casa del futuro ed è un progetto made in Italy che è stato un’idea dell’azienda Aktivhaus la quale, per costruire questa casa energeticamente autonoma, ha collaborato con degli studenti del Politecnico di Torino (vincitori di un concorso organizzato dal gruppo Woodlab del Politecnico) e dell’università della Valle d’Aosta. Al progetto hanno partecipato altre aziende private e ha avuto il patrocino della Regione Valle d’Aosta e del Comune di Cormayeur.

Biosphera 2.0 sarà una casa davvero tecnologica di appena 25 metri quadrati in grado di creare da sé tutta l’energia necessaria per alimentare elettrodomestici e in grado di riscaldarsi da sola pedalando una speciale cyclette.

È stata costruita in legno, ed il legno utilizzato è certificato secondo i criteri del PEFC, mentre quasi tutti i mobili sono realizzati con materie prime.

L’abitazione, che ora si trova a Courmayeur, dagli inizi di febbraio alla fine di febbraio 2017  girerà diverse città italiane, e gli studenti del Politecnico di Torino e dell’azienda Aktivhaus dovranno monitorare i risultati dei test che verranno effettuati al suo interno nei prossimi 12 mesi, durante i quali ci vivranno dentro, a rotazione, una ventina di persone, e i primi ad avere l’opportunità di testare il comfort abitativo di Biosphera 2.0 saranno proprio i 6 studenti vincitori del concorso.

Ciascun abitante durante questi mersi dovrà raccontare la vita quotidiana all’interno della casa attraverso post, foto e video. Inoltre verrà istallata nella zona giorno una telecamera che manderà in diretta tutte le immagini sul sito del progetto.

Per tutti i 12 mesi verranno monitorati i dati energetici e ambientali di Biosphera 2.0 e i parametri fisiologici delle persone che vi abiteranno in situazioni ambientali molto differenti, per definire il livello di benessere psicofisico delle persone all’interno di un ambiente abitativo futuristico. Il  sistema di riscaldamento della temperatura istallato all’interno di Biosphera 2.0 consentirà di mantenere il clima sempre costante utilizzando l’energia che viene autoprodotta dalla casa e la temperatura si aggirerà in inverno intorno ai 21 gradi ed in estate intorno ai 25 gradi. Durante questi 12 mesi verranno raccolti i dati riguardanti la temperatura, l’umidità, la qualità dell’aria, i campi elettromagnetici, le polveri sottili, la frequenza cardiaca, la temperatura della pelle, lo stato emotivo (mediante un braccialetto sviluppato dalla società Empatica).

La casa, in futuro, potrebbe essere utilizzata anche in aree più remote del pianeta per garantire vita a piccoli gruppi di persone.