Blizt nella notte: 11 arresti nel napoletano, sgominato clan emergente

0
Blizt nel napoletano

Questa notte i carabinieri hanno arrestato undici membri di un nuovo clan emergente.

Dopo attente indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, i carabinieri del nucleo di Giugliano in Campania, hanno provveduto ad undici arresti.

Le misure cautelari, emesse dal Gip di Napoli, sono rivolte ad 11 soggetti. Essi sono ritenuti responsabili di associazione, finalizzata al traffico di stupefacenti, nonché  estorsione attraverso il metodo mafioso.

I soggetti arrestati sono tutti della zona a nord di Napoli, tra Frattamaggiore e Frattaminore.

Secondo quanto emerso dalle indagini, questi soggetti, hanno gestito le piazze di spaccio dell’area nord, monopolizzando la vendita di cocaina, hashish e marijuna.

Ciò che ha portato gli inquirenti a indagare, su questi soggetti, sono gli avvenimenti del 2016.

Le indagini, sono dunque cominciate quando nelle zone interessate, si erano registrati episodi di violenza. Episodi ritenuti espressione di scontri per il dominio delle piazze di spaccio dell’intero hiterland napoletano.

L’intera operazione è durata ben tre anni, in quanto gli inquirenti si sono serviti di: intercettazioni telefoniche, servizi di osservazione e perquisizioni. Tutti i mezzi e gli uomini impiegati, hanno fatto sì che si riuscisse a far luce sull’intera organizzazione, e che si riuscisse a colpire alla base del clan.

Gli inquirenti hanno constatato che questa nuova organizzazione emergente, gestiva da sola tutto l’intera filiera del traffico. Il clan gestiva: l’approvvigionamento delle sostanze, la distribuzione, la vendita delle sostanze, il recupero delle somme di denaro, e il ricorso alla violenza qualora qualche altra organizzazione, avesse voluto svolgere la stessa attività sullo stesso territorio. 

Una rete studiata nei minimi dettagli, dove con il terrore, un unico clan circoscritto, si imponeva su di un territorio che comprendeva l’intera area al nord di Napoli.