Boko Haram, Abubakar Shekau annuncia la resa

0

Nigeria – In un video pubblicato su Youtube, Abubakar Shekau, il capo di Boko Haram, annuncia la resa. “Per me è giunta la fine“, queste le sue parole, mentre appare con la barba folta, il volto emaciato ed evidentemente stanco, in un video di sette minuti in lingua hausa e araba, in cui si rivolge ai suoi seguaci. Esperti di intelligence e dell’esercito nigeriano stanno in queste ore analizzando ogni fotogramma e ogni parola del video, per verificarne la veridicità. L’audio e la qualità dell’immagine risultano, infatti, di pessima qualità e c’è chi suppone che l’uomo che appare in video, con kalashnikov e bandiera nera al suo fianco, non sia il vero Shekau.

In realtà, però, l’esercito regolare nigeriano si dice convinto che il video non sia un falso e ritiene che il messaggio rappresenti il testamento del leader di Boko Haram. Il gruppo terroristico (il cui nome in lingua italiana significa “L’istruzione occidentale è proibita“), dal 2009 ha insanguinato la Nigeria, causando la morte di almeno 17.000 persone nel nord della Nigeria (a maggioranza musulmana). Ma recentemente sta affrontando un periodo di grave crisi, di cui risente anche la sua forza propagandistica. L’esercito lo incalza ed è riuscito a tagliargli le vie ai rifornimenti. Molti miliziani si sono arresi per la penuria di viveri. Inoltre, il governo federale della Nigeria è riuscito nell’impresa di riprendere la città di Gwoza, nello stato del Borno, diventata, nel 2014, una sorta Raqqa nigeriana. Successo che ha aperto la strada all’esercito regolare che, solo pochi giorni fa, il 24 Marzo, ha fatto sapere di essere riuscito a liberare 829 ostaggi. Ma i dubbi sull’effettiva resa dell’intero gruppo Boko Haram, comunque, persistono e alcuni analisti ritengono che il video di Shekau rappresenti solo una resa individuale. E’ di queste ore la notizia del rapimento di 16 donne, di cui 2 bambine, da parte di miliziani armati, vicino al villaggio di Sabon Garin Magadali.