sabato, Maggio 25, 2024
HomeCronacaCronaca esteraBrexit, dopo bocciatura dell'accordo il Parlamento esclude il “no deal”

Brexit, dopo bocciatura dell’accordo il Parlamento esclude il “no deal”

A seguito della sonora bocciatura del nuovo piano presentato da Theresa May per la Brexit da parte del Parlamento, ieri sera la Camera dei Comuni ha escluso l’ipotesi di un’uscita del Regno Unito dall’Ue in uno scenario di no deal, cioè senza accordo. Il testo, rafforzato da un emendamento che esclude il no deal “in ogni circostanza“, è passato con 321 voti contro 278, mentre l’emendamento ha ricevuto 312 sì contro 308 no.

Il Regno Unito aveva annunciato ieri il taglio in via provvisoria delle tariffe d’importazione su numerosi prodotti, qualora il Parlamento britannico avesse votato a favore del “no deal” o se il “no deal” fosse stato respinto dai Comuni ma Londra uscisse comunque dall’UE senza alcun accordo dopo il termine del 29 marzo.

In tale ultima ipotesi, ancora possibile,  non ci saranno nuovi controlli al confine tra Irlanda e Irlanda del Nord, ma al fine di proteggere la produzione nazionale dovrebbero restare in vigore per 12 mesi le tariffe su auto, carne di manzo, agnello, maiale, pollame e latticini.

Questa approvazione potrebbe tuttavia portare a un rinvio del termine entro cui dovrà attuarsi la Brexit, ma la premier Theresa May avvisa che ciò “sarà possibile solo se avremo un accordo“. In caso contrario, l’alternativa obbligata resta un’uscita del Regno Unito senza accordo.

Non vedo altre soluzioni se non l’accordo di recesso che abbiamo negoziato, questa resta la nostra posizione e non cambierà. La soluzione ora deve arrivare da Londra“, ha dichiarato il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans all’indomani del voto sulla Brexit al parlamento britannico.

La responsabilità sulla decisione della Brexit è esclusivamente britannica” ha dichiarato il capo negoziatore dell’Ue per la Brexit Michel Barnier alla plenaria del Parlamento europeo. “Oggi la prima responsabilità per uscire dall’impasse ricade sul Regno Unito. Se continuano a voler uscire, l’accordo negoziato è e resterà l’unico trattato disponibile. Abbiamo fatto tutto ciò che potevamo fare“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME