Bruxismo: Come Smettere di digrignare i denti

0

Il bruxismo è la tendenza istintiva e involontaria a digrignare i denti. Si tratta di un atteggiamento che si manifesta soprattutto nelle ore notturne e, per questo, chi ne soffre potrebbe non accorgersene fino al manifestarsi di fastidiosi sintomi.

Il bruxismo può infatti avere conseguenze più o meno gravi. Il fastidio più comune è la sensazione di dolore a carico di denti e gengive e un affaticamento della mascella. Altre conseguenze vanno dal mal di testa al danneggiamento dello smalto, dal sanguinamento delle gengive ai danni all’arcata dentale.

Qualora si manifestino questi sintomi è importante correre ai ripari agendo anche (e soprattutto) sulle cause del bruxismo che sono tipicamente di natura psicologica.

 

Il ruolo di Stress e ansia

 

Il digrignamento dei denti è spesso l’espressione di un disagio emotivo legato a periodi di stress e ansia.

Se soffri di bruxismo stai probabilmente vivendo una fase in cui i ritmi sono molto serrati e, per varie ragioni, avverti uno stato di tensione che ti impedisce di entrare in uno stato di rilassamento completo durante il sonno e di vivere con serenità il resto della giornata.

 

Il bruxismo può inoltre manifestarsi quando ci sono istinti ed emozioni represse. Se ad esempio stai vivendo situazioni di contrasto al lavoro o in famiglia, l’atto di serrare i denti può rappresentare lo sforzo emotivo che sostieni per impedire che l’aggressività trattenuta si manifesti.

 

Per risolvere il problema è necessario agire anche sullo stress, per esempio allontanandosi dalle persone con cui hai relazioni di tensione o diminuendo, se possibile, il carico lavorativo.  Per risolvere il problema alla radice però sarà necessario trovare una soluzione alternativa.

 

É importante sapere che, se il bruxismo si è protratto per lungo tempo, il corpo potrebbe essere ‘abituato’ a praticarlo anche se vengono rimosse le cause di tensione che lo hanno causato. Per questa ragione, se è tornato il sereno nella tua vita, può essere comunque necessario un aiuto professionale per risolvere il digrignamento e i danni che ha generato.

 

Quando rivolgersi al dentista

 

Un parere professionale è sempre molto importante. Al verificarsi del digrignamento dei denti, può essere utile rivolgersi al dentista, come per esempio il Dottor Mattia Ventriglia.

Un controllo medico si rende però assolutamente necessario se i danni provocati sono importanti e si manifestano dolori forti oppure è necessario intervenire perché denti e gengive risultano danneggiati.

 

I Rimedi contro il bruxismo

 

Il primo consiglio è quello di imparare alcune tecniche di rilassamento da utilizzare sia durante la giornata che prima di andare a dormire. Riuscire ad avere una notte di sonno soddisfacente sarà sicuramente un ottimo rimedio contro il bruxismo notturno e diurno e migliorerà la qualità generale della tua vita.

Un ulteriore modo per aiutarti nel rilassamento notturno è la pratica di attività fisiche durante la giornata.

La palestra, lo sport o qualche esercizio ‘fai da te’ aiutano a scaricare le tensioni in eccesso. L’attività fisica può essere praticata in compagnia e divenire anche un momento di socializzazione in cui puoi svagarti e divertirti. Puoi inoltre praticarla all’aria aperta in modo da stimolare la mente ad un maggiore rilassamento.

 

Da un punto di vista meccanico un aiuto può arrivare infine dall’uso di appositi bite. Il dentista crea bite su misura che proteggono sia i denti che le gengive dall’usura e che ci aiutano anche a riposare meglio.