Bufera social per Amanda Knox travestita da accusata di omicidio: “Mi hanno assolta in 4 ore. Meglio che in 4 anni”

0
Foto da profilo Instagram @AmandaKnox

Ha suscitato forti polemiche un recente post di Amanda Knox condiviso sul suo profilo Instagram: la ragazza nota per la vicenda giudiziaria legata all’omicidio di Meredith Kercher ha infatti pubblicato online la foto di un suo travestimento piuttosto singolare nell’ambito di un ‘murder mistery party‘, cioè una cena con delitto dove i commensali devono risolvere un giallo.

Amanda, che nello scatto è ritratta accanto al suo fidanzato, veste i panni della contessa Lovelace, accusata dell’omicidio di un gallerista, e accompagna il post con la didascalia “Londra Vittoriana: un quadro di inestimabile valore è sparito e il proprietario è stato trovato avvelenato e pugnalato. E ci credereste? Io, la contessa di Lovelace, sono accusata.

Un post che molti utenti dei social hanno trovato di cattivo gusto e che ha sollevato diverse polemiche, anche per via dell’esplicito riferimento finale della Knox alla sua vicenda giudiziaria che l’ha vista assolta in Cassazione. “Sono stata rilasciata in 4 ore. Meglio che in 4 anni”, conclude infatti nel post a corredo dell’immagine. Un chiaro rimando agli anni trascorsi in carcere a Perugia prima della sua assoluzione per l’omicidio di Meredith, sua coinquilina, uccisa all’età di 21 anni nel 2007.

Già in passato la ragazza di Seattle aveva fatto discutere per il suo modo di approcciarsi ai social. Nel 2017, ad esempio, la Knox aveva twittato “Sei anni di libertà” per celebrare l’anniversario dell’assoluzione arrivata nel 2011. Da quando ha fatto ritorno negli Stati Uniti, Amanda ha iniziato a lavorare nel mondo della comunicazione occupandosi, tra le altre cose,di interviste spesso molto controverse.