Caitriona Balfe sul finale scioccante della 3×03 di Outlander

0
Caitriona Balfe nel trailer della terza stagione di Oulander, screenshot youtube
Caitriona Balfe nel trailer della terza stagione di Oulander, screenshot youtube

Outlander, la serie televisiva britannica che vede Caitriona Balfe e Sam Heughan come protagonisti, è appena ricominciata.

La terza stagione dello show, basato sulla saga letteraria della scrittrice Diana Gabaldon, va in onda sul canale statunitense Starz.

In Italia la stagione andrà in onda sul canale Fox Life a partire dal 29 settembre 2017.

Se siete fan della serie e non avete ancora visto la puntata perché state aspettando la messa in onda italiana, vi consiglio di NON proseguire la lettura.

L’articolo contiene infatti uno SPOILER molto importante sulla fine del terzo episodio della terza stagione, intitolato “All Debts Paid”.

I fan dei romanzi della saga di Outlander erano già al corrente di questo importante twist ma gli spettatori televisivi sono rimasti scioccati.

Ma cosa è successo nel terzo episodio di Outlander? 

Il personaggio dell’attore Tobias Menzies, Frank Randall, è morto in un incidente d’auto. Frank era il marito di Claire prima che lei incontrasse Jamie Fraser in Scozia. I due avevano deciso di rimanere insieme dopo il ritorno di Claire dal passato e si erano trasferiti negli Stati Uniti per crescere la figlia Brianna, frutto dell’amore di Claire e Jamie.

Poco prima della sua morte, Frank aveva chiesto il divorzio a Claire che aveva reagito molto male alla notizia.

Ecco le parole di Caitriona Balfe sulla 3X03:

“Il materiale è fantastico. Non vedevo l’ora di questa scena perché, anche nei libri, è scritta davvero molto bene. è una storia tragica. Nessuno dei due ha torto, bisogna capire le circostanze. Questa scena mi ha reso molto più empatica nei confronti delle persone in generale. Realizzi che molte volte le azioni delle persone derivano da un profondo dolore. Alle persone piace giudicare e dire: “Oh sostengo questo o quello”. Ma in qualsiasi circostanza, bisogna sempre pensare se davvero ciascuno di noi sarebbe in grado di reagire in modo diverso.”