domenica, Marzo 3, 2024
Home Blog

Calcio, il ministro dello Sport Spadafora: “Ripresa graduale e in sicurezza. Non c’è solo la Serie A”

0

L’Italia si prepara all’ingresso nella fase due e prova a ripartire durante l’emergenza sanitaria. Dal 4 maggio inizierà il periodo di convivenza con il virus e varie attività riapriranno i battenti per frenare il veloce declino economico. Prevista la ripresa anche delle attività sportive, gli organi delegati stanno dialogando e nei prossimi giorni è attesa la comunicazione ufficiale.

Nel frattempo il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ha parlato nel corso del question time svoltosi in Senato ieri mattina, dicendo la sua in merito alla ripresa dei campionati di calcio:

Dobbiamo essere consapevoli che dobbiamo riaprire perché lo sport è importante non solo come valore economico ma anche come valore sociale. Gradualmente potremo pensare di riaprire tutta la parte che riguarda gli allenamenti. Per quello che riguarda i campionati e l’attività motoria all’aperto, tanto richiesta dai nostri cittadini, valuteremo assieme al Comitato tecnico scientifico. Siamo consapevoli che dobbiamo assolutamente spingere per questa ripartenza, ma al tempo stesso dobbiamo tutelare la salute di tutti i cittadini italiani”.

Sui sussidi ai lavoratori nel mondo dello Sport:Sono convinto che nel decreto che ci apprestiamo ad approvare al consiglio dei ministri troveremo ulteriori risorse per consentire che il bonus lo abbiano non solo i collaboratori sportivi che già ne hanno fatto richiesta per marzo, e che possa essere esteso a tutti i collaboratori sportivi anche per il mese di aprile.

I media si sono concentrati in queste ore sulla ripresa o meno del campionato di calcio. Sappiamo benissimo quanto al calcio venga attribuito il giusto valore come azienda economica per i flussi finanziari che produce. Sappiamo, però, altrettanto bene che lo sport non è solo il calcio e che il calcio non è solo la Serie A”.