Calciomercato Inter, c’è anche Alexis Sanchez tra gli obiettivi

0
Alexis Sanchez fonte foto: Di joshjdss - Arsenal Vs Burnley, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=56445588
Alexis Sanchez fonte foto: Di joshjdss - Arsenal Vs Burnley, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=56445588

C’è anche Alexis Sanchez sul taccuino dello staff di Suning per il calciomercato dell’Inter di questa estate. Il calciatore cileno, ex Udinese ora in forza all’Arsenal, ha il contratto in scadenza nel 2018 e i nerazzurri starebbero monitorando con attenzione l’evolversi della situazione.

Come ha scritto gazzetta.it, infatti, l’esterno piace sia a Sabatini che ad Ausilio e, quindi, si cerca di formare una coppia d’attacco (con Icardi, ovviamente) di tutto rispetto. Sanchez, primatista di apparizioni e reti con la nazionale cilena, è esploso definitivamente nella stagione 2010/11 quando costituì, con Antonio Di Natale, un duo di attacco di livello europeo realizzando la bellezza di 12 reti in 31 partite. La stagione successiva approdò al Barcellona, dove, dopo un periodo iniziale di adattamento, riuscì comunque a dare il suo contributo per poi trasferirsi, a partire dal 2014/15, all’Arsenal. Ha chiuso lo scorso campionato con un score di 24 reti in 38 partite, suo record in carriera.

Tornando, però, alla possibile operazione di mercato dell’Inter c’è da ribadire che, come sempre in questi casi, non è situazione che si evolverà in breve tempo perché prima di tutto a decidere deve essere lo stesso Sanchez. All’Arsenal è uno dei punti fermi e l’anno prossimo giocherà l’Europa League, mentre all’Inter si dovrà rimettere in discussione e non avrà nessun palcoscenico europeo in cui mettere in mostra tutte le sue qualità. Senza dimenticare, infine, anche lo scoglio relativo all’ingaggio del Nino Maravilla: attualmente percepisce circa 12 milioni di euro a stagione e, pur manifestando la volontà di sedersi comunque al tavolo per valutare l’offerta dell’Inter, non sembrerebbe disposto a scendere troppo al di sotto del suo salario attuale. Un bel problema per Sabatini e Ausilio.