Calciomercato Inter, derby di mercato per Milenkovic: Maldini sfida Marotta, chi la spunterà?

0
milenkovic
Nikola Milenkovic, difensore serbo della Fiorentina. Fonte Wikimedia Commons

Inter e Milan sono pronte a sfidarsi in campo per un derby tra i più inusuali degli ultimi tempi. Le gradinate di San Siro potranno accogliere soltanto mille persone. Niente coreografie sugli spalti. Nessun coro nè sfottò. A tutto questo c’è da aggiungersi la situazione dei contagiati da Covid-19 che al momento sta riguardando i nerazzurri più dei rossoneri e che toglierà dal campo dei sicuri protagonisti del match.

Eppure c’è un derby che si sta giocando da giorni non sull’erba dello stadio Meazza ma tra gli uffici dei due club e quello della Fiorentina per una trattativa che promette scintille. Il nome finito sui taccuini dei manager di Inter e Milan è quello del serbo Nikola Milenkovic, centrale difensivo dei toscani.

Corazziere classe ’97 (è alto 1,95 per 85 chilogrammi di peso), il ragazzo di Belgrado è riuscito ad imporsi nel nostro campionato dopo appena tre stagioni passate in riva all’Arno. Milenkovic è un difensore roccioso e tatticamente maturo, pronto per il definitivo salto in una big europea. Non da sottovalutare anche la discreta propensione offensiva che in 90 apparizione con la Viola gli ha permesso di scrivere il proprio nome sul tabellone dei marcatori per ben 8 volte.

L’Inter lo segue da poco meno di un anno mentre il Milan arriva sul talento dei toscani in leggero ritardo ma con la convinzione di poter sottrarre agli odiati cugini il giocatore con un’offerta molto più allettante. Pioli vorrebbe disporre di Milenkovic a gennaio quando, secondo le migliori previsioni la sua squadra sarà chiamata a confermare le buone prestazioni offerte finora e magari anche una posizione di vertice.

L’unico scoglio per la buona riuscita della trattativa sono le richieste non proprio da saldo estivo del patron della Fiorentina, Rocco Commisso. Il manager italo-americano chiede una cifra molto vicina ai 40 milioni di euro, una valutazione che al momento spaventa i nerazzurri così come i rossoneri. La sensazione è che l’affare lo riuscirà a chiudere il club che più si avvicina a quella valutazione.