Calciomercato Inter, Petagna come vice Lukaku ma la formula proposta non convince il Napoli

L'Inter prova a strappare Andrea Petagna al Napoli che però risponde picche. Non se ne fa nulla se non alle condizioni dettate dagli azzurri.

0
Andrea Petagna fonte foto: Di Ago76 - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=52712432
Andrea Petagna fonte foto: Di Ago76 - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=52712432

L’Inter prova ad ingolosire Andrea Petagna offrendogli, seppur da rincalzo, un posto in squadra nella prossima stagione che vedrà i nerazzurri competere su tutti fronti. Marotta si dice convito dell’operazione anche se la formula di prestito con eventuale diritto di riscatto non soddisfa il Napoli che vorrebbe incassare almeno 20 milioni.

L’Inter è alla spasmodica ricerca di un vice Lukaku. Nonostante le ottime doti atletiche il gigante belga non potrà tenere il ritmo di oltre cinquanta match stagionali. Un sostituto potrebbe farlo rifiatare  almeno negli incontri meno prestigiosi.

Da qui l’idea di puntare su un italiano che ha dimostrato di sapersi fare valere sul campo da gioco e che possa sostituire l’imponente Lukaku quando si tratterà di fare a sportellate con la difesa avversaria. A raccontare del succoso retroscena di mercato ci ha pensato il Corriere dello Sport che parla del tentativo nerazzurro ma anche della risposta tutt’altro che accogliente del Napoli.

“L’Inter vuole Andrea Petagna – spiega il quotidiano sportivo – anzi lo vorrebbe in prestito, al massimo con diritto di riscatto: il Napoli, però, non è per niente d’accordo. Nada. Niente da fare: il club ha bloccato la partenza dell’attaccante, del centravanti che in questo momento ha un ruolo fondamentale considerando l’infortunio di Mertens e anche le prospettive future”. 

A supporto delle rimostranza degli azzurri ci sarebbe anche il fatto che Petagna non sia tra i calciatori più pagati nel club e che all’occorrenza può essere impiegato in diversi schemi tattici senza difficoltà. Sarebbe impensabile quindi privarsene per rinforzare una concorrente senza neppure guadagnarci nulla.