Romelu Lukaku, il regalo che i milanisti sognano dai cinesi

0

Le trattative tra i cinesi e il Milan continuano a oltranza. Il closing potrebbe arrivare da un momento all’altro con l’80% delle quote di Silvio Berlusconi che passerebbero in Asia. Si arriverebbe ad avere un derby milanese che l’anno prossimo sarebbe più consono giocare a Pechino. Scherzi a parte la nuova dirigenza un colpo dovrà regalarlo. Ieri mattina il Corriere dello Sport è uscito con la notizia in prima pagina che il regalo cinese sarebbe l’acquisto di Romelu Lukaku, attaccante belga 23enne dell’Everton attualmente impegnato a Euro 2016 con il Belgio, fresco vincitore dell’ottavo di finale contro l’Ungheria (prossimo avversario ai quarti il Galles di Gareth Bale) come abbiamo già riportato ieri. L’acquisto dell’attaccante ex Chelsea risulta al quanto proibitivo considerando che la squadra di Liverpool chiede non meno di 80 milioni di euro e sembra impensabile che una squadra che non parteciperà neanche alla prossima Europa League come il Milan possa affrontare un esborso simile. In realtà i nuovi soci cinesi del denaro dovranno investirlo e il colpo Lukaku sarà aiutato inevitabilmente dalla cessione di Carlos Bacca. L’attaccante colombiano (autore del goal vittoria nella partita contro gli USA valida per il terzo posto della Copa America Centenario) ha più volte manifestato i suoi malumori e i suoi mal di pancia riguardo una sua possibile permanenza a Milano sapendo di poter andare a giocare in altre squadre e avere la possibilità di competere da subito per importanti traguardi. Con i 25-30 milioni ricavati dalla sua cessione i cinesi dovrebbero aggiungerne più o meno altrettanti per riuscire a convincere la dirigenza dell’Everton alla cessione. Un altro indizio che porta Lukaku al Milan è il suo procuratore: Mino Raiola. Sicuramente potrebbe aiutare il belga ad arrivare al Milan, considerando che se riuscisse a portare Pogba al Manchester United beneficerebbe di una parcella per il trasferimento intorno ai 20 milioni di euro, quindi potrebbe chiudere un occhio su Lukaku senza tirare troppo la corda della trattativa.