Calciomercato Napoli, gli addii dei senatori non spaventano: in entrata Struijk e Dia

0
Boulaye dia
Boulaye Dià, centravanti dello Stade de Reims. Foto WIkimedia Commons

Giugno si avvicina a passi svelti e con lui anche il termine dei contratti di alcuni giocatori che negli ultimi anni hanno rappresentato lo zoccolo duro del Napoli. Diversi senatori lasceranno il club fiduciosi di trovare altrove condizioni migliori. Supposizioni tutte da verificare. Intanto però la dirigenza ha già approfondito sondaggi con alcuni giovani talenti che non dovranno far rimpiangere i partenti.

Il primo al centro del mirino è Pascal Struijk, difensore centrale del Leeds United di nazionalità olandese. L’appena ventunenne è considerato in Inghilterra un potenziale crack dei reparti arretrati e c’è già chi lo vede come erede di Virgil Van Dijk. Un metro e novanta di giocatore con buoni piedi e grinta da vendere. La valutazione è ancora accessibile (attorno ai 10 milioni di euro) e la voglia di provare a mettersi in sfida con un campionato tattico come quello italiano è tanta.

Struijk, nato in Belgio da genitori olandesi, ha fatto tutta la trafila delle giovanili tra ADO Den Hag e Ajax, prima che piombasse su di lui la squadra U23 del Leeds. Se il Napoli dovesse cedere Koulibaly per questioni di cassa, potrebbe decidere di affondare il colpo per il giovane talento.

L’altro giovane talento a finire sotto la lente di ingrandimento del Napoli è Boulaye Dia, attaccante ventiquattrenne dello Stade de Reims. Con ben 14 realizzazioni in 24 gare finora disputate, è lui il giocatore che finora ha più stupito in Ligue 1. Secondo alcuni Milan e Lipsia sarebbero anch’esse sulle tracce del franco-senegalese ma il Napoli potrebbe riuscire a strappare il sì qualora gli si offrisse un ruolo da titolare in squadra.

Per l’affare Dia, l’assegno da strappare sarà di sicuro molto più pesante rispetto all’altro candidato, ragion per cui bisognerà necessariamente dire addio a qualcuno lì davanti. Il candidato a salutare la compagnia sarà con ogni probabilità Andrea Petagna, anche se non è da escludere che anche Mertens possa cambiare aria visto anche l’elevato ingaggio percepito dal belga.