martedì, Aprile 16, 2024
HomeAttualitàCaldaia a condensazione: una scelta di efficienza e sostenibilità

Caldaia a condensazione: una scelta di efficienza e sostenibilità

Sempre più persone, quando arriva il momento di sostituire il vecchio impianto di riscaldamento oppure quando stanno valutando quale sistema di riscaldamento scegliere in occasione di una ristrutturazione della propria casa o dell’acquisto di una nuova abitazione, si orientano sulla caldaia a condensazione.

In effetti, si tratta di una scelta che si porta dietro diversi vantaggi fra cui sia quello di ridurre drasticamente i consumi sia quello di limitare le emissioni inquinanti.

Ma come funziona una caldaia a condensazione? Quali sono le caratteristiche che la fanno preferire alla caldaia tradizionale?

Caldaia a condensazione: come funziona e perché sceglierla

Attualmente, le caldaie sono i generatori di calori più comuni, di fatto presenti in tutte le case; si tratta di apparecchi che trasformano l’energia generata da un combustibile (di solito il gas propano liquido, GPL) in calore; quest’ultimo viene poi distribuito sotto forma di aria e acqua calda nel sistema di riscaldamento dell’abitazione (tubi e radiatori posizionati nelle varie stanze della casa).

Negli ultimi anni, i progressi tecnologici hanno permesso la realizzazione di caldaie, quelle a condensazione, che permettono di ottimizzare il consumo energetico; questo perché una caldaia tradizionale è caratterizzata da una grande dispersione di calore (utilizza una parte del calore generato dalla combustione del gas, mentre i vapori acquei vengono dispersi attraverso la canna fumaria), mentre quella a condensazione recupera il calore dei fumi prodotti dalla combustione e dai vapori dell’acqua.

Il rendimento termodinamico delle caldaie a condensazione in classe A+ si avvicina al 100%, mentre nel caso delle caldaie di vecchio tipo arriva circa al 70%, una differenza di circa il 30%; ben si comprende come questo permetta un notevole abbattimento dei consumi e, conseguentemente, della bolletta energetica.

Altro importantissimo vantaggio è che le caldaie a condensazione sono decisamente meno inquinanti delle altre; per questo motivo esistono incentivi statali a questo riguardo come, per esempio, l’offerta ecobonus per caldaie a gas condensazione.

Caldaie a condensazione ed ecobonus

L’acquisto di una caldaia a condensazione, oltre ai diversi vantaggi in termini di resa energetica, abbattimento dei consumi e ridotta emissione di sostanze inquinanti permette di usufruire di interessantissime agevolazioni fiscali; infatti; nel caso di una ristrutturazione edilizia e di interventi che migliorano l’efficienza energetica, le detrazioni fiscali possono arrivare a fino al 65% dell’importo.

In molti casi, il vantaggio economico è immediato perché le aziende praticano lo sconto immediato in fattura; di fatto, è possibile sostituire la vecchia caldaia con una decisamente più efficiente energeticamente e molto meno inquinante pagando soltanto il 35%. Se si considera quest’ultimo punto ci si rende conto che non è più valida l’obiezione che l’acquisto di una caldaia tradizionale era molto meno oneroso di quello di una moderna caldaia a condensazione (i cui prezzi comunque sono molto più bassi rispetto al passato proprio grazie alla grande diffusione).

Non bisogna inoltre dimenticare che le garanzie sui prodotti acquistati sono pluriennali, spesso arrivano addirittura a 10 anni!

In conclusione l’acquisto di una caldaia a condensazione è sicuramente una scelta che fa bene al portafoglio e dà una grandissima mano alla sostenibilità ambientale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME