Camaleontica Patty, evergreen della musica italiana

0

Patty-Pravo-3Camaleontica, bella,sensuale e dall’aspetto adolescenziale, sono tanti gli aggettivi che potremmo usare per Nicoletta Strambelli in arte Patty Pravo, un evergreen della musica italiana. Potremmo definirla la David Bowie femminile della musica italiana per i suoi travestimenti nella sua florida carriera musicale. Patty Pravo che è in gara al festival di Sanremo con la canzone “Cieli immensi” scritta da Zampaglione leader dei Tiromancino. La Strambelli festeggia i suoi 50 anni di carriera e non solo, perché si è anche la sua decima partecipazione al festival, da sottolineare che sei volte è arrivata in finale. Una vera macchina di successo, sono 110 milioni i dischi venduti nella sua carriera musicale, seconda solo a Mina e terza come migliore artista italiano sul riscontro commerciale. Il suo modo camaleontico e pop lo deve al suo piccolo periodo a Londra, quando decise di lasciare la sua città nativa (Venezia) per un breve periodo. Il suo ritorno in Italia è legato al Piper, famossimo locale romano. Viene scoperta dall’avvocato e agente Alberico Crocetta. Incide il suo primo successo “Ragazzo triste”. Il brano fu censurato dalla Rai e da Radio Vaticano per alcune frasi a “doppio senso”. Inizia per Nicoletta Strambelli una serie di successi. La sua grinta musicale porta al paese e all’ambiente musicale un’ondata di novità ed energia, pensare che siamo alla fine degli anni 60 e inizio 70 dove in Italia fanno da padrone i grandi cantautori. La sua consacrazione arriverà con la “Bambola” che vende quasi 40 milioni di copie. Sarà vincitrice più di una volta di Canzonissima e diverrà punto di forza della Rca, storica casa discografica (di cui facevano parte Renato Zero, Antonello Venditti, Lucio Dalla per citare alcuni). Ancora oggi quasi a 70 anni, Patty Pravo rimane un’icona della musica italiana. Un fisico da invidiare e una voce altrettanto invidiabile. Senza cadere in stecche musicali, la Pravo rimane la vera rock star di questo festival di Sanremo. Sarà lei la vincitrice di quarta edizione 2016?. Intanto si gode i meriti dei critici e la giuria della stampa.