sabato, Maggio 25, 2024
HomeAttualitàCambiamento?

Cambiamento?

A chiunque guardi con leggero distacco la situazione attuale,risultano chiare la continuità e l’unità d’intenti che hanno contraddistinto chi ci ha governato negli ultimi quattro anni. In successione infatti,prima il ”tecnico incostituzionale” Monti,poi il Letta (diciamo pure Napolitano) e infine il prodigio di Rignano Sull’Arno al secolo Matteo Renzi hanno seguito un’unica via maestra: la distruzione dello Stato Sociale e delle tutele del lavoro dipendente,il progressivo svuotamento della sovranità popolare (già seriamente compromessa di suo). Dilungarsi in questa descrizione sembra quasi roba da pompe funebri,la domanda interessante da porsi ora è : coloro che hanno mosso e muovono i fili di questo scempio resteranno impassibili di fronte ad un (tentato) ripristino della sovranità economica e politica del nostro paese? Se è vero che il Caudillo fiorentino ha il seggiolo scricchiolante dopo la batosta elettorale,qual è l’alternativa possibile? Due anni fa siamo andati a votare e la maggioranza degli italiani ha chiesto discontinuità,a tale richiesta è stata opposta la rielezione di un capo dello Stato che ha bloccato ogni prospettiva di cambiamento.Se una svolta arrivasse dalle urne,possiamo stare ”sereni” sul fatto che non torneremmo l’Italia degli anni ’70,quella a sovranità limitata,diversa (?) da quella di oggi?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME