Cambio colore possibile per alcune Regioni, ecco quelle più a rischio

0
Possibile riapertura anticipata, Nuovi colori, 5 città, Nuovo cambio colore, Cambio colore, 6 regioni, Regioni a rischio
Italia, Fonte Creazilla

Considerando l’aumento dei contagi in Italia, è sempre più possibile un effettivo cambio colore per le regioni. Un rischio che ovviamente si estende anche a province autonome. Scopriamo insieme quali di queste località sono maggiormente suscettibili di subire ulteriori restrizioni.

RICHIO ZONA ROSSA – Attualmente non vi è nessuna regione in zona rossa, nessuna quindi con i divieti più severi. Eppure questa opzione non è da escludere totalmente. Soprattutto in location caratterizzate da un forte indice Rt.

Tra queste, Umbria, Emilia Romagna, Marche, Molise e le Province autonome di Bolzano e Trento. Tutte zone al momento arancioni il cui indice è ormai a quota 1. Tuttavia la regione per la quale un cambio colore è più che possibile è l’Abruzzo.

RISCHIO ZONA ARANCIONE – Per quanto riguarda le altre località italiane alcune potrebbero invece tornare in zona arancione (come durante il periodo natalizio). Si parla infatti di tale possibilità per Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia e Marche.

Regioni gialle all’ora attuale, i cui contagi non sono alti quanto quelle prese in considerazione per la zona rossa, ma comunque non trascurabili. Contrariamente alle location citate quelle che si portano meglio e rimarranno molto probabilmente di colore giallo sono 7. Nello specifico si tratta di Puglia, Sardegna, Sicilia, Valle d’Aosta, Veneto, Calabria e Basilicata.

non è infine improbabile che alcune regioni o province sopra citate optino per una tecnica già in uso da qualche tempo. Ovvero creare delle micro zone rosse localizzate. Intanto i Governatori continuano a chiedere al nuovo Governo una semplificazione delle misure. Misure da applicare dopo un tempestivo avvertimento degli stessi Governatori e in modo equo su tutto il territorio italiano.