Can Yaman, il duro sfogo sui social: “La gente ha superato ogni limite”

0
Fonte: profilo Instagram ufficiale di Can Yaman

A tornare nel mirino del gossip è Can Yaman, noto attore turco che ha conquistato il cuore del pubblico italiano. Ad attirare l’attenzione sono stati i rumors sulla sua decisione di cambiare casa a Roma, spingendo a ipotizzare un suo trasferimento fuori dall’Italia.

Ormai stanco delle tante voci di corridoio sul suo conto, Can ha deciso di prendere la parola. Attraverso una IG Stories, l’attore si è duramente sfogato, spiegando anche i motivi che lo hanno spinto a cambiare casa.

“La gente ha superato ogni limite” – Stando a quanto rivelato dallo stesso Yaman durante lo sfogo, l’attore non lascerà affatto il Bel Paese. L’uomo, infatti, ha in cantiere un importante impegno lavorativo con una piattaforma di rilievo.

Nonostante i suoi impegni in Italia, Can si è trovato costretto a dover traslocare. I motivi dietro tale decisione li ha spiegati l’attore, sfogandosi duramente sui social. L’attore ha infatti spiegato di essersi ritrovato costretto a cambiare casa a Roma perché oramai tutti erano a conoscenza del suo indirizzo. Nel suo sfogo sui social, Can Yaman ha quindi spiegato:

“Vi voglio bene uguale spero possiamo trovare la pace tutti quanti perché io ne ho bisogno tanto. Ho cercato di essere sempre riservato, ma allo stesso tempo unito a voi. Ho cercato di trovare questo equilibrio eccezionale. Vorrei dire a coloro che mi vogliono bene veramente: non vado via dall’Italia, state sereni, il mio prossimo progetto è ambientato in Italia ed è un progetto globale su una piattaforma importantissima. Gli attori, soprattutto quelli internazionali, si spostano a seconda del progetto, non siamo mai permanenti da nessuna parte, questa è la natura del mestiere. Cambierò sicuramente la casa a Roma, non perché vado via, perché la gente ha superato ogni limite qua. Non ce la faccio più con lo stalkeraggio che subisco oppure l’aggressione che deve subire ogni femmina che si associa con me se non è quella che ‘accettate’ voi. Ripeto: vi voglio bene, ma voglio bene anche a me stesso. Rilassiamoci, vi auguro tanto amore”.