Caso Suarez, parla Oliviero: “Paratici non mi ha mai chiesto di favorirlo”

Il Rettore dell'Università di Perugia spiega la telefonata con il direttore sportivo della Juve

0
Luis Suarez, fonte By Анна Нэсси - https://www.soccer.ru/galery/1056047/photo/734458, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=70395735
Luis Suarez, fonte By Анна Нэсси - https://www.soccer.ru/galery/1056047/photo/734458, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=70395735

Lo scandalo che vede coinvolta l’Università per stranieri di Perugia per un presunto trattamento di favore nei confronti di Suarez tira in ballo anche la Juventus. Nelle ultime ore è venuta fuori una telefonata tra il Rettore dell’Università, Maurizio Oliviero, e il direttore sportivo bianconero Paratici.

Intervistato ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, Oliviero ha chiarito la sua posizione:

“Qualcuno insinua che Paratici mi avrebbe chiamato per dire ‘mi raccomando, bisogna promuoverlo’ ma non è vero. Chi lo ha fatto si assumerà la responsabilità. Nella mia vita ho sentito Paratici solo una volta, qualche giorno dopo gli esami.

Mi hanno cercato per dirmi che l’entourage di Suarez li aveva ringraziati per il contatto, perché la città lo aveva accolto con affetto. Leggo che tirano fuori il fatto che io possa aver fatto battute calcistiche.

Ho letto che avrei detto ‘mi raccomando, sono in contatto con la Juve, bisogna aiutarlo’. Posso aver detto ‘mi raccomando, è una buona occasione’ oppure, parlando di calcio, ‘questo è il nostro centravanti’ ma mai ho ricevuto una richiesta di sensibilizzazione e mai mi sono prodigato”.