Champions League, la Uefa vuole accelerare l’esclusione di Juventus e Barcellona

0
Uefa, fonte By UEFA - Own work, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=25452519
Uefa, fonte By UEFA - Own work, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=25452519

La questione della Superlega aleggia ancora nel mondo del calcio. Era il 20 aprile quando fu annunciata la creazione di questa nuova competizione. La sua vita fu breve, visto la grande reazione negativa in tutto il mondo del calcio, che comportò il graduale ritiro di quasi tutte le squadre partecipanti. Invece i presidenti di Barcellona, Juventus e Real Madrid sembrano supportare ancora la realizzazione di tale torneo. Allo stesso tempo, stando alle recenti dichiarazioni dei membri della Uefa, queste tre società non rimarranno impunite.

Il presidente della Uefa, Alexander Ceferin, ha dichiarato prima della finale di Champions League, da un lato la sua estraneità alla possibili pene inferte ai tre club: “Il nostro comitato disciplinare è indipendente, quindi non so niente. Né quale sarà la portata della pena, né quando sarà resa nota”. Dall’altra parte ha ribadito piena tranquillità per una possibile paralisi causata da una battaglia legale contro i tre club interessati: “«Non possono paralizzare nulla, al massimo solo sé stessi».

Infine Ceferin ha anche ribadito anche la certezza di nessuna sconfitta (in via legale), per quanto riguarda le pene che potranno essere inflitte ai tre club : «Un nuovo caso Bosman? No, è differente». Secondo i media, la punizione esemplare sarebbe appunto l’esclusione dalla prossima edizione della Champions League.

Ciò è stato confermato anche ad una recente intervista ad uno dei massimi dirigenti della Uefa, Theodore Theodoridis: “Juve, Barcellona e Real Madrid fuori dalla Champions League? È una possibilità. Se non rispettano le regole, possono essere escluse.  Dipende da loro; va sottolineato che tutti gli altri club hanno accettato le regole. E ho capito che i nove che hanno ammesso l’errore hanno iniziato le procedure per liquidare la società della Superlega». 

Quindi si attende solo la sentenza definitiva. Secondo il “Corriere dello Sport” la Uefa vorrebbe dare una accelerata, in modo che venga emanato il giudizio finale prima dell’Europeo: “Filtrano informazioni che parlano di una netta accelerata in vista delle decisioni dell’organo disciplinare, indipendente dall’Uefa: la sensazione è che la sentenza possa arrivare prima dell’inizio dell’Europeo, quindi nell’arco di una decina giorni, confermando le tempistiche di circa trenta giorni dall’apertura delle indagini”. Si attendono le prossime settimane per vedere cosa succederà.