martedì, Aprile 16, 2024
HomeAttualitàChe cos’è il trattamento di endermologie e quando si esegue

Che cos’è il trattamento di endermologie e quando si esegue

Il trattamento endermologie è utilizzato nella medicina estetica da oltre 20 anni e si utilizza per ridurre gli inestetismi della cellulite: consiste in un massaggio meccanico eseguito attraverso dei rulli che vengono fatti scorrere sulla zona corporea da trattare.

I rulli effettuano un movimento di sollevamento e arrotolamento sulla zona sottoposta al trattamento, in questo modo spostano il grasso accumulano e lo distribuiscono in maniera uniforme in altre zone del corpo. Allo stesso tempo, i rulli modellano la superficie cutanea e riducono la cosiddetta “pelle a buccia d’arancia”.

Il trattamento di endermologia è molto comune tra le donne, perché è uno dei trattamenti più efficaci contro la cellulite e viene eseguito senza l’utilizzo di alcun tipo di farmaco, come avviene per altri trattamenti.

Trattamento endermologie: che cos’è e come funziona

L’endermologia è la soluzione nata in Francia nei primi anni ’80 per la terapia delle cicatrici e delle ustioni. L’ Endermologia LPG viene associata ad una tecnica di massaggio meccanico che si serve di una particolare strumento noto con il nome di Cellu M6 Keymodule.

Durante il trattamento endermologie bisogna indossare una specifica tuta che serve per far aderire meglio i rulli e per una maggiore sicurezza igienica. Per effettuare il massaggio endermologico, il cliente deve mettersi in posiziona supina e cambiare posizioni in base alle specifiche zone da trattare. Il massaggio endermologico dona come primo effetto una sensazione di relax e produce maggiore vitalità ed energia nell’individuo.

Generalmente, si ricorre al trattamento di endermologie per rimodellare il corpo dopo una liposuzione ed il trattamento deve essere accompagnato da una dieta ipocalorica e da un costante esercizio fisico.

Il principio di funzionamento del trattamento endermologie è basato sulla terapia del massaggio connettivo manuale: attraverso un sistema meccanico di aspirazione, ripristina le funzioni del tessuto connettivo e lo stimola fino a farlo rigenerare.

Di solito, una sessione di endermologia dura dai 40 ai 45 minuti e il numero di sessioni necessarie per raggiungere i risultati desiderati varia a seconda delle necessità del paziente.

Questo trattamento non è indicato in presenza di flebiti o neoplasie in corso, se il soggetto assume farmaci anticoagulanti o presenta ematomi, angiomi, varici dolorose. È vietato, inoltre, l’esecuzione del trattamento sui soggetti in gravidanza.

Come funzionano i rulli

Lo strumento utilizzato per il trattamento di endermologie è composto da un manipolo che viene fatto scorrere manualmente sulla zona da trattare e contiene due rulli che si muovono indipendentemente l’uno dall’altro, quindi possono scorrere in due direzioni differenti o nella stessa direzione. Il movimento dei rulli agisce sulla cute e svolge un’azione elasticizzante, stimolando e distribuendo il tessuto adiposo. Un monitor rileva la velocità, l’intensità e la potenza dei rulli, elementi che possono essere adattati in base alla superficie da trattare e in base alla reazione del soggetto.

In base all’area da trattare, l’operatore può posizionare i rulli anche a distanza tra loro. Al movimento dei rulli, generalmente, si aggiunge il movimento del manipolo manovrato dall’operatore che lo fa scorrere sulla cute.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME