Cina, Pechino imporrà sanzioni alla Corea del Nord

0

Il governo cinese ha reso noto, nella giornata di martedì, che imporrà sanzioni alla Corea del Nord. Ad annunciarlo è il Ministero del Commercio di Pechino che, a seguito del quarto test nucleare di Pyongyang e di recenti test missilistici, ha reso nota la volontà del gigante asiatico di seguire le indicazioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, uniformandosi, così, alla volontà della comunità internazionale.

Le restrizioni riguarderanno, principalmente, il bando di esportare carburante per i Jet di Kim Jong-un. A Marzo, il Consiglio di Sicurezza, con il beneplacito della Cina, ha adottato una risoluzione in cui sono previste sanzioni più dure nei confronti della dittatura nord-coreana. Oltre al bando all’esportazione di carburante, per fini bellici, queste prevedono limiti anche alle importazioni. In particolare, sono colpite le importazioni di oro, carbone, ferro e titanio, con cui Pyongyang finanzia le proprie spese militari. A questo riguardo, va sottolineato come la Cina sia, in pratica, l’unico partner commerciale dell’isolatissimo Paese, dato che il 90% degli scambi commerciali della Corea del Nord avvengono con Pechino. Per questo motivo e per non colpire la popolazione civile, il governo cinese ha fatto sapere che verrà comunque garantito un minimo flusso di import-export, se i ricavati verranno destinati alla sussistenza. Secondo un reporter dell’agenzia Yonhap, per verificare se le misure sono già in atto è ancora presto. Entro 90 giorni è atteso un rapporto del governo cinese, riguardante l’implementazione delle sanzioni. Per far sì che la risoluzione dell’ONU abbia successo, è d’altronde importante il massimo impegno della Cina.

La decisione, annunciata Martedì dal governo di Pechino, viene dopo il summit che, la scorsa settimana, si è tenuto a Washington sulla sicurezza nucleare a livello globale. Lì, nell’incontro tra Barack Obama e il presidente cinese Xi Jinping, il presidente americano ha dichiarato che entrambi i paesi sono “impegnati per la denuclearizzazione della penisola coreana“. Una cooperazione riaffermata anche da Xi: “Stati Uniti e Cina hanno la responsabilità di dover lavorare insieme“.